Rüsselsheim – La nuova generazione di i20 debutterà giovedì 2 ottobre alle ore 16:00 al Salone internazionale di Parigi e sarà in vendita in Italia ed Europa a partire da novembre. Presentando sul mercato la nuova generazione, Hyundai intende rafforzare ulteriormente la propria presenza nel “segmento B” del vecchio continente, dove l’azienda ha venduto oltre 1 milione di vetture dal 2002 fra la Getz e la popolare prima versione di i20 (che ha superato le 40.000 unità vendute in Italia).
La nuova generazione della i20 è stata progettata e sviluppata interamente in Europa.  Più lunga, più bassa e più larga rispetto al modello precedente, la nuova generazione è stata sviluppata nell’Hyundai Motor Design Centre Europe di Rüsselsheim (in Germania), capitanato da Thomas Buerkle. Il design del nuovo modello segue naturalmente la filosofia stilistica “Fluidic Sculpture 2.0”, elemento distintivo dell’azienda e della gamma “made in Europe“, con linee eleganti ed un profilo scolpito. Anche l’aerodinamica è nettamente migliorata: da 0,32 a 0,30 Cd.
Realizzata su una nuovissima ed innovativa piattaforma tecnologica, nella nuova i20 l’interasse è stato incrementato di 4,5 centimetri (2570 mm) per regalare ancor più spazio per gli occupanti. All’interno di una scocca realizzata in acciaio ad alta resistenza spicca l’abitabilità: 1.892 mm a disposizione per le gambe (fra spazio anteriore e posteriore). Tanto spazio a disposizione dei passeggeri, quindi, che beneficeranno anche di una capacità di carico del bagagliaio (326 litri) che la colloca in vetta alle “segmento B” attualmente in commercio sul mercato.
Uno dei “focus” principali dei tecnici in fase di sviluppo è stato quello di equipaggiare la nuova i20 con le più moderne tecnologie a disposizione, sia in tema di sicurezza attiva e passiva che di ergonomia e comfort di guida. Ecco così che, a fronte della console centrale inclinata di 5° verso il guidatore per farlo sentire a proprio agio, alla “docking station” per connettere il proprio smartphone, al climatizzatore automatico con sistema anti-appannamento e al tettuccio elettrico panoramico “a tutta lunghezza” (novità assoluta per il segmento B), la nuova i20 sarà equipaggiata di serie con sei airbag, Esc (Electronic Stability Control), Hac (per agevolare le partenze in salita), Ess (Emergency Stop Signal) e Vsm (VehicleStability Management). Inoltre, saranno a disposizione anche altre tecnologie d’avanguardia come l’Ldws (Lane DepartureWarning System), una vera rarità fra le compatte.
La nuova Hyundai i20 è disponibile in quattro motorizzazioni tutte omologate Euro6. Due propulsori benzina: 1.2 Mpi 75 e 84 cv, la base della futura versione Gpl in arrivo in Italia nei primi mesi del 2015, e il 1.4 Mpi 100 cv. Due anche i motori a gasolio: il 1.4 da 90 cv e il 1.1 turbodiesel 3 cilindri da 75 cv, già presenti sulla generazione precedente ma che hanno beneficiato di una serie di aggiornamenti tecnici. La nuova i20 sarà equipaggiate con cambio a 5 marce (1.2), 6 marce (1.4, motori diesel) o trasmissione automatica (1.4).
Realizzata interamente nello stabilimento di Izmit (Turchia), dove già viene prodotta la i10, la nuova generazione della i20 rappresenta, dopo la nuova i10 e la Genesis, il terzo modello nato dalla strategia Hyundai “Product Momentum 2017”, operazione che vedrà Hyundai lanciare 22 nuovi modelli e derivati in Europa entro la fine del 2017.