Nuova Microcar M.Go, la mobilità razionale da 9.990 euro

Dalla piattaforma della Ligier JS50 nasce la nuova M.Go. Arriva in Italia nella versione “Plus” dotata di cerchi in lega da 14’’ diamantati, chiusura centralizzata, vetri elettrici e carrozzeria bicolor.

Microcar M.Go

La prima novità dell’anno in casa Microcar si chiama M.Go e nasce dalla stessa piattaforma della Ligier JS50, la minicar più venduta e apprezzata in Italia per i suoi standard di sicurezza ed estetica.

M.Go è un modello che potremmo definire “all over”, cioè nato per soddisfare le esigenze plurime di un target variegato di consumatori: dal teenager alla famiglia giungendo al cliente più tradizionale. Una vera e propria city car, concepita all’insegna della razionalità, della funzionalità, del pragmatismo, un mezzo che ha la mission di essere fondamentalmente una “tuttofare”.

Ispirata alla sorella minore Duè, ma con elementi totalmente ridisegnati, la nuova M.Go comunica da subito solidità; compatta ma al tempo stesso spaziosa, colpisce per la notevole capacità di carico del bagagliaio per essere una microcar, ulteriormente esaltata da un piano di carico basso, pensato per trasportare quotidianamente volumi importanti: ben 690 litri.

Il portellone posteriore riprende, infatti, le linee squadrate di una “familiare”, una soluzione molto diffusa nei tradizionali modelli automotive urban-cross. Essenziale ma ben lontana dai banali stilemi molto diffusi nel segmento, M.Go presenta linee morbide, dettagli curati, apprezzabili soprattutto nella versione top di gamma, Highland, simile ad un mini Suv.

Per quanto riguarda la guida, a bordo di M.Go si ha la sensazione di guidare un veicolo tradizionale, grazie ad una plancia curata ed essenziale, sedili avvolgenti, abitacolo insonorizzato, climatizzatore (opzione solo su versioni DCI), vetri azzurrati, computer di bordo con retroilluminazione blu notte, autoradio con presa USB, volante regolabile, chiusura centralizzata con telecomando.

Spaziosa, versatile ma soprattutto sicura, coerentemente ai modelli Ligier Group, anche M.Go ha superato severi test in termini di sicurezza ed affidabilità, con telaio in monoblocco con rinforzi strutturali, barre anti intrusione sulle portiere, 4 freni a disco, cinture di sicurezza con ancoraggi rinforzati e airbag lato guida su richiesta (unica Minicar a proporlo). Anche M.Go ha superato, inoltre, i crash test UTAC.

Entrando nello specifico, possiamo notare come nella versione Highland Premium spiccano i cerchi in lega da 14’’, i fari a LED diurni, fendinebbia, pack estetico Cross, nuovi colori di serie tra cui l’inedito Blu Ardesia. M.Go è disponibile quindi nelle versioni Plus, Dynamic Highland e Premium Highland.

Per quanto riguarda le motorizzazioni, troviamo motori diesel Lombardini Progress e DCI Revolution Common Rail ecologici con emissioni di C02 e consumi davvero minimi, per offrire costi di gestione bassissimi.

Se siete interessati, il modello per il lancio in Italia è la versione M.Go Plus, con radio Pioneer con Bluetooth, cerchi in lega da 14’’diamantati, Pack estetico chrome, chiusura centralizzata, vetri elettrici, carrozzeria bicolor. Il prezzo? Anche questo da “adulta”: si parte infatti da 9.990 euro.