Honda Forza 125 si concede un discreto, ma profondo, restyling. Gli ingredienti principali restano invariati: motore a 4 valvole, sistema Start&Stop, telaio nuovo ma sempre leggero e bilanciato, e un equipaggiamento ben fornito. Gli upgrade principali del nuovo Forza 125 sono il parabrezza regolabile elettricamente su un’escursione di 140 mm tramite il tasto sul blocchetto elettrico di sinistra, una strumentazione mista analogica‐digitale migliorata con informazioni aggiuntive, indicatori di direzione a Led come il resto dell’impianto luci, più spazio sottosella e un nuovo bauletto da 45 litri opzionale connesso alla Smart­Key (quando ci si allontana dallo scooter la serratura del bauletto si chiude automaticamente).

L’ampiezza del manubrio è di 754 mm e gli specchietti retrovisori sono a 1,125 metro da terra. L’altezza della sella invece è di 780 mm, per consentire a chiunque di toccare facilmente a terra, e il passeggero gode di un’ampia porzione di sella. Il vano sottosella cresce a 48 litri di capienza (+5,5 litri), con la possibilità di suddividere l’area di carico grazie a una paratia. Il vano portaoggetti anteriore è munito di serratura ed è dotato di una presa di ricarica a 12V.

Con appena 162 kg di peso con il pieno di benzina, il motore del nuovo Forza 125 è il noto Honda eSP (enhanced Smart Power), che eroga 15 cv a 8.500 giri/min e una coppia massima di 12,5 Nm a 8.250 giri/min. Alesaggio e corsa sono configurati a 52,4 x 57,9 mm con un rapporto di compressione di 11,5:1. Tra le peculiarità del motore il motorino di avviamento ACG a controllo elettronico e senza spazzole di Honda, un componente integrato avanzatissimo montato direttamente sull’estremità dell’albero motore e che ha funzioni sia di generatore sia di avviamento.

Come i “fratelli” SH125/150i, SH 125 Mode, PCX e Vision, anche il nuovo Forza 125 è dotato del sistema Start&Stop, che spegne automaticamente il motore dopo tre secondi di funzionamento al minimo e con i freni azionati per riavviarlo non appena viene ruotata la manopola dell’acceleratore. In questo modo, i consumi dichiarati si attestano a 43,5 km/l nel misto, con un’autonomia di 500 km sfruttando completamente il serbatoio da 11,5 litri di capacità.

I cerchi sono in lega leggera a 6 razze sdoppiate e gli pneumatici di primo equipaggiamento i Michelin City Grip. Sulla ruota anteriore da 15 pollici è montato un pneumatico 120/70­15, mentre sulla ruota posteriore da 14” un pneumatico 140/70­14. L’impianto dei freni dotato di Abs a due canali è composto da un grande disco anteriore da 256 mm con pinza a 2 pistoncini e dal disco posteriore da 240 mm, con pinza a singolo pistoncino.

SHARE
Arturo Salvo
Giovane, carino e in cerca di fortuna. Legge in continuazione, di conseguenza sente l'esigenza di dover scrivere. Ha un cane, un gatto e un pappagallo. Citazione preferita: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza".