Dopo nove scudetti, alcuni dei quali consecutivi, per Peugeot arriva il momento della prima stella tricolore. Il Leone conquista il 10° titolo nel Campionato Italiano Rally, rafforzando così la sua immagine di marchio estero più vittorioso in Italia.

Otto degli ultimi titoli sono stati conquistati grazie a Paolo Andreucci, il pilota italiano più titolato, “navigato” da Anna Andreussi, e gli ultimi tre grazie al bolide 208 T16, degna erede della 207 S2000 che ha monopolizzato il CIR dal 2008 al 2012.

Peugeot ha scritto il primo capitolo della sua lunga storia di successi motoristici nel lontano 1894, quando una Tipo 5 tagliò il traguardo per prima ben 123 anni fa. Nei tempi moderni, i rally in particolare sono diventati il terreno di conquista preferito del Leone, soprattutto con i modelli della serie “2”.

La 205 ha vinto i titoli mondiali costruttori e piloti nel 1985-1986, ed è anche la vettura che ha regalato al marchio il primo “assoluto” in una gara di Campionato Italiano Rally, con Gianni Del Zoppo e Betty Tognana al Rally Città di Sassari il 22 giugno 1985, con una media di oltre 140 km/h su terra. La 206, Campione del Mondo per tre anni consecutivi dal 2000 al 2002, ha vinto il primo scudetto tricolore in Italia nel 2002, con Renato Travaglia. La 207 Super 2000, invece, è stata capace di dominare cinque campionati consecutivi, prima con Luca Rossetti e poi con Paolo Andreucci. L’attuale protagonista, la 208 T16, ha collezionato 16 vittorie complessive nel Tricolore, parte di un totale generale, sommando i vari campionati internazionali, di quasi 150 vittorie in quattro anni.