pneumatici estivi audi

Dal 15 aprile è cessato l’obbligo per tutti gli autoveicoli di circolare con pneumatici invernali (o di avere a bordo mezzi antisdrucciolevoli) sulle strade in cui tale obbligo è previsto. In deroga a quanto stabilito dal decreto ministeriale n. 1049 del 2014, gli automobilisti hanno però un ulteriore mese di tempo, quindi fino al 15 maggio, per adeguarsi alla normativa che prevede la sostituzione dei pneumatici invernali con pneumatici estivi.

È bene precisare, però, che il cambio estivo non è obbligatorio per tutte le tipologie di pneumatico invernale. L’obbligo si applica, infatti, solo a chi monta pneumatici invernali con codici di velocità inferiori a quelli indicati sulla carta di circolazione.

L’infrazione alla norma comporta una sanzione pecuniaria da un minimo di 419 euro a un massimo di 1.682 euro, oltre al ritiro della carta di circolazione e all’invio del veicolo alla revisione. I pneumatici invernali M+S con indice di velocità uguale o superiore a quanto indicato sulla carta di circolazione, invece, possono circolare senza il rischio di sanzioni.

In caso di dubbi riguardo la lettura dei codici di velocità sui pneumatici, ma anche per tutte le operazioni relative al cambio gomme, è sempre bene rivolgersi ai rivenditori specialisti di pneumatici. E cosa ancor più importante, evitare di affidarsi a pneumatici riscolpiti.

Cosa si intende per “riscolpitura”, detta anche gergalmente “rigatura”, lo spiega Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma: “è un’operazione che tende a prolungare la vita e la possibilità di impiego del pneumatico effettuando sul fondo della scolpitura un intaglio più profondo”.

Intervento di importante rilevanza tecnica, quindi, che deve essere effettuato da operatori qualificati e fenomeno sempre più diffuso nel nostro mercato. Se però si tratta di una pratica corretta e consentita per i mezzi pesanti, non lo è altrettanto per i pneumatici vettura, per i quali, invece, è vietata.

Accertatevi sempre, dunque, che i pneumatici vettura che acquistate come prodotti d’occasione, o quelli usati, non siano stati oggetto di riscolpitura. Una pratica vietata, che va segnalata alle Autorità competenti.