Costa Smeralda, Tigra Twin Top non ritengo sia stata un’operazione nostalgica assecondata da una nuova richiesta di mercato sempre più recettivo nei confronti di sportive, grandi e piccole, che coniughino la coupé con la cabriolet e di conseguenza con tettuccio metallico ripieghevole nel bagagliaio. Astra Twin Top è certamente l’allargamento naturale e logico di una gamma di successo che nei conti consuntivi della Opel assume grande valenza. Ma a prima vista l’Astra Twin Top, nella visione tre quarti anteriore ha richiamato alla mia mente ricordi di Calibra. Tecnologicamente le due auto sono lontane parecchi anni, stilisticamente gli stilemi di quella coupé che ha tracciato una nuova frontiera costringendo a seguirla sul strada del recupero, allora, di sportive d’altri tempi, sono evidenti e innegabili. Ammetto che questa sensazione può essere condizionata dal fatto che avendo “amato” una Calibra ravvisarne oggi “sembianze” mai dimenticate nell’Astra Twin Top è stato una…suggestione sentimentale, ma mi sembra che possa essere condivisibile in generale la mia considerazione visiva di primo approccio. Astra Twin Top arriva sul mercato in un momento in cui proprio questo tipo di auto pur rimanendo di nicchia sta assumendo sempre di più le dimensioni che travalicano il prodotto di moda per diventare non dico status symbol ma auto da vivere in qualsiasi situazione e stagione. Il distinguo immediato che va fatto per questa twin top è che insieme a Volvo C80, di prossimo arrivo, è la coupé cabriolet che ha il tetto frazionato in tre parti, soluzione che ha consentito di ricavare un ampio bagagliaio anche quando si viaggia scoperti. L’altra considerazione da fare è che pur essendo una autentica sportiva ha contenuti, equipaggiamento e comfort da berlina di lusso e soprattutto per pilota e passeggero garantisce spazi vitali e confortevoli anche viaggi lunghi. Meno confortevole è per i posti dietro, soprattutto lato guida mentre dalla parte del passeggero spostando in avanti il sedile si ottiene un posto dietro abbastanza gradevole e confortevole. Niente che non sia stato rilevato in auto di identiche dimensioni già sul mercato e che certamente sarà evidenziato in quella che stanno per arrivare, come la citata Volvo C70 e la Ford Focus CC. Il confort su Astra Twin Top si coniuga con sicurezza ad alto livello e prestazioni eccellenti garantite dai tre motori benzina (1.6 Twinport 105 cv, 1.8 140 cv e 2.0 turbo 200 cv) e dal motore turbodiesel common rail 1.9 CDTI 150 cv, tutti già noti e apprezzati sulla gamma Astra. Il 2.0 turbo e il 1.9 CDTI sono abbinati a un cambio a 6 marce. La gamma italiana si presenta con allestimenti Enjoy e Cosmo per un totale di 7 offerte tutte ben equipaggiate di serie. In Sardegna sulle strada della Costa Smeralda ho provato l’Astra Twin Top Cosmo 1.9 CDTI 150 cv con filtro antiparticolato e cambio a 6 marce che costa euro 28.000,000 ed tra l’altro ha di serie: Abs con Ebd; airbag a tendina, lato guida, passeggero laterali torace e bacino lato guida e passeggero; Esp e Tc; fari fendinebbia; pedali freno e frizione sganciabili; sistema Isofix posteriore; freni anteriori a disco autoventilanti; servosterzo elettro-idraulico; sistema Dynamic safety; cerchi in lega da 17 pollici; specchietti retrovisori esterni elettrici e riscaldabili; alzacristalli elettrici anteriori e posteriori; climatizzatore automatico, computer di bordo, radio con lettore cd e 6 altoparlanti; sedile guida regolabile in altezza, basculante e con regolazione supporto lombare; volante a 3 razze; ruotino di scorta. La pagella di Automotonews. design 7 ergonomia 7 posto guida 8 plancia e comandi 7 strumentazione 8 climatizzazione 8 visibilità 8 finitura 8 equipaggiamento 8 abitabilità 7 comfort 7 bagagliaio 8 motore 8 accelerazione 8 ripresa 8 cambio 8 sterzo 8 freni 8 tenuta di strada 8 stabilità 8 sicurezza attiva e passiva 8 consumo 8 Gamma e prezzi: Enjoy 1.6 Twinport 105 cv euro 22.600,00 Enjoy 1.8 140 cv 23.800,00 Enjoy 1.9 CDTI 150 c

Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.

NO COMMENTS

Leave a Reply