Berlino, Il numero 600 della sigla d’identificazione non indica la cilindrata ma la cubatura che servirebbe per avere le stesse prestazioni con una unità convenzionale. Lexus, brand di lusso di Toyota per il quale tutto ciò che sembra una esagerazione diventa normalità, continua sulla strada dell’ibrido nell’affrontare il problema della mobilità compatibile tant’è che oggi 3 modelli su 5 della su gamma sono con questo tipo di motorizzazione (la LS è stata anticipata da GS 450h e RX 400h).
Massima espressione del design che in Lexus definiscono L-Finesse – sobrio, elegante, linee morbide e “calde”, sportiveggiante quanto basta, interni lussuosi, confortevoli oltre ogni definizione, salottieri per abitabilità e possibilità di convivialità – l’ammiraglia della gamma, in Italia anche col passo allungato di 120 mm, è così farcita di tecnologia da fare impallidire una navetta spaziale della Nasa.
Intanto è l’unica auto al mondo ad essere dotata di un motore a benzina 5 litri, 8V 32 valvole Dual VVT-iE di 394 cv abbinato ad un motore elettrico sincrono a corrente alternata ed a magnete permanente alimentato da batteria ad alt potenza di Nichel-Idruro di metallo di 224 cv per un totale di potenza di 445 cv. Insieme i due motori nel consumo combinato garantiscono 9,3 litri di benzina per 100 chilometri ed emissioni di CO2 limitate 219g/km.
Altra unicità della Lexus 600h: essere la prima automobile ibrida dotata di trazione integrale permanente con un differenziale Torsen a slittamento limitato che distribuisce la coppia con un rapporto del 40% nell’anteriore e 60% nel posteriore ma con un continuo controllo di questa distribuzione che può essere variata al bisogno tra 30-70 e 50-50 tra anteriore e posteriore. Le sospensioni sono multilink sia nell’anteriore sia nel posteriore supportate dal sistema di controllo dell’assetto che sincronizza il rollio e il beccheggio in curva garantendo il massimo del comfort. Il cambio è automatico a variazione continua col controllo elettronico sia del motore termico sia di quello elettrico.
A scorrere la lunghissima lista dei sistemi tecnologici che si trovano su questa ammiraglia si corre il rischio di fare una indigestione di sigle. Pcs, Ccd, Vgrs, Vdim, Avs, Abs, Acc, Ecb, Trc, Ecb, Eps e chi più ne ha più ne metta. Su questa macchina l’unico dettaglio che non ispira sicurezza, per la su intrinseca natura, è l’uomo, cioè il pilota, unica variabile di un sistema complesso che vigila, assicura, aiuta, assiste, previene, protegge, riduce i rischi e salva vita. Uno per tutti: Driver monitoring system. Appena ti siedi al volante il computer di bordo ti fa una ripresa video del viso e la memorizza, s’imprime nella memoria elettronica la posizione di occhi, naso e bocca sicché finché si guida guardando avanti tutto bene, ma se in qualsiasi momento volgete lo sguardo altrove mentre si presenta un ostacolo davanti all’auto il sistema rileva la vostra disattenzione e lancia avvertimenti sonori mentre nello stesso tempo agisce leggermente sui freni per diminuire la velocità. Inoltre un radar posteriore localizza un mezzo che arriva e se capisce che il tamponamento è inevitabile predispone la LS 600h per ridurre i rischi.
La Lexus anche nella variante a passo lungo arriverà in Italia ad Ottobre con questi prezzi: LS 600h euro 122.000,00, LS 60h L euro 132.000,00.
In Germania, sulle strade ed autostrade attorno a Berlino abbiamo provato la LS 600h.
La pagella di Automotonews.
design 9
ergonomia 10
posto guida 10
plancia e comandi 9
strumentazione 9
climatizzazione 9
visibilità 9
finiture 10
equipaggiamento 10
abitabilità 10
comfort 10
bagagliaio 10
motore 10
accelerazione 10
ripresa 10
cambio 10
sterzo 10
freni 10
tenuta di strada 10
stabilità 10
sicurezza attiva e passiva 10
consumo 10 (ore 09:00)

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.