Mira (Venezia), Kyron, seconda generazione. Nell’atelier sudcoreano della SsanGyong i migliori sarti hanno confezionato per la suv compatta di loro produzione un abito europeo che le conferisce la seduzione delle linee, ora morbide e armoniose, che prima le mancava per fare maggiore presa in un’area di mercato che, appunto perché di nicchia, vanta intenditori sopraffini i quali subiscono soprattutto il fascino del “fattore emozionale”, ovvero il design.
Ora la Kyron ce l’ha e, quindi, si ripropone come un outsider validissimo nell’affollata area di mercato in cui operano brand più famosi. Design che insieme con le altre qualità che questa suv aveva già nella prima generazione e che ora sono state affinate e potenziate le danno gli atout migliore per vincere molte concorrenze. Senza sottacere il fatto che nel rapporto dotazioni-prezzo, ed ora anche qualità la si può dare a priori vincente.
La diversità più evidente con il precedente modello è soprattutto nel design esterno, ma anche gl’interni hanno beneficiato di miglioramenti estetici e contestualmente sono state migliorate le caratteristiche di guida e la silenziosità di marcia mentre sono stati inseriti altri plus come il cambio automatico con comandi al volante e l’ampliamento della gamma con l’unità motrice 5 cilindri 2.696 cc da 165 cv , 2 alberi a camme in testa, 20 valvole, common rail iniezione diretta a controllo elettronico con turbocompressore e intercooler, abbinato alla trazione integrale permanente AWD, col cambio automatico Mercedes (di serie, optional sugli altri modelli per euro 2.100,00), e sospensioni posteriori a ruote indipendenti con schema multilink. C’è sempre il turbodiesel common rai 4 cilindri 16v 1.998 cc da 141 cv abbinato al cambio manuale a 5 rapporti e alle quattro ruote motrici part-time, con trazione anteriore e posteriore inseribile e ridotte.
Gamma essenziale di tre allestimenti, Sport e Luxury col 2.0 e Top Class col 2.7, con equipaggiamenti ricchissimi.
La Sport è in listino a euro 27.500,00 euro ed ha di serie: airbag lato guida e passeggero; Abs+Ebd+Tcs; Bas, assistenza alla frenata d’emergenza; Esp, controllo dinamico della stabilità; Hdc, dispositivo freno motore in discesa; Arp, sistema antiribaltamento; alzacristalli elettrici; chiusura centralizzata con radiocomando a distanza; retrovisori esterni regolabili e riscaldabili elettricamente; audio stereo/cd con 6 altoparlanti e antenna al tetto; volante in pelle con comandi radio e leva cambio rivestita in pelle; vetri atermici oscurati seconda fila e vano bagagli; sedile guida regolabile in altezza con supporto lombare; tendalino copribagagli e rete fermaoggetti nel bagagliaio; barre sul tetto; antinebbia anteriori; climatizzatore automatico con filtro antipolline; cerchi in lega leggera 6,5Jx16 con pneumatici 225/75 R16; trazione integrale inseribile e ridotte.
La 2.0 Luxury che costa euro 30.500,00 aggiunge: differenti cerchi in lega leggera (7,5Jx18 con pneumatici 255/60 R16); airbag a tendina anteriori e posteriori; interno parzialmente rivestito in pelle; retrovisori esterni ripiegabili elettricamente; sensori posteriori di rilevamento ostacoli con segnalatore acustico.
Infine la 2.7 Top Class che costa 34.950,00 euro aggiunge ancora: trazione integrale permanente con sistema AWD; trasmissione automatica a 5 rapporti + T – Tronic con selettore rapporti al volante; sospensioni posteriori indipendenti Multilink.
Sulle strade del Veneto abbiamo provato la 2.7 Top Class.
La pagella di Automotonews

Design 8
Ergonomia 8
Posto guida 9
Plancia e comandi 9
Strumentazione 9
Climatizzazione 9
Visibilità 8
Finiture 8
Equipaggiamento 10
Abitabilità 9
Comfort 8
Bagagliaio 8
Motore 9
Accelerazione 9
Ripresa 9
Cambio 9
Sterzo 9
Freni 9
Tenuta di strada 9
Stabilità 9
Sicurezza attiva e passiva 10
Consumo 8 (ore 10:00)

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.