Torri del Benaco (Lago di Garda) – Bmw ha vinto la “sua” battaglia di Lipsia. Nella fattispecie non si trattava di fronteggiare l’esercito napoleonico ma il mercato con un prodotto che nel 2004 quando è nato non sembrava avere, in verità, le potenzialità che poi ha espresso e che si sono concretizzate a fine 2007 in 505.898 unità vendute nel mondo, 43.586 delle quali in Italia.
Qui si scrive della Serie 1 nata in configurazione 5 porte, nel 2007 affiancata dalle 3 porte e dalla Coupè, oggi dalla Cabrio in attesa del completamento di gamma con la Suv X1. E vogliamo mettere limiti alla provvidenza ed escludere la station wagon?
Cabrio deriva dalla Coupé e dal momento che la concorrenza nell’area di mercato della Serie 1 risponde al nome di Audi quale che sia la carrozzeria ecco che la “scoperta” di Lipsia (nella cui fabbrica nascono tutte le Serie 1) arriva sul mercato in coincidenza della A3.
Serie 1 Cabrio sorella della Coupé ma più ingrassata di 150 chili per la necessità  di rinforzare la carrozzeria nella zona superiore e centrale in modo da garantire gli stessi valori di rigidezza della versione chiusa. Per aprirla, o chiuderla, basta spingere un tasto anche se si è in marcia con velocità fino a 50 km/h (esclusiva di questa sportiva) e in 22 secondi si viaggia all’aria aperta. La scelta della copertura soft e non rigida è a mio avviso vincente non solo per il fascino che questo tipo di soluzione indubbiamente ha ma soprattutto perchè Bmw ha scelto un tessuto ad alta tecnologia attraversato da fili argentei (il rivestimento antharazit è a richiesta) che conferiscono riflessi metallizzati che è in grado di isolare l’abitacolo da rumori e agenti atmosferici quasi come un tetto metallico.
Tra le altre preziosità della Serie 1 Cabrio una selleria (anche questa in optional) con tecnologia Sun Reflective: se si parcheggia l’auto scoperta sotto il sole la temperatura sui sedili si mantiene di 20 gradi inferiore rispetto alla pelle normale e un climatizzatore che capisce che l’auto è scoperta e dosa convenientemente flusso e temperatura dell’aria.
Sulla Cabrio tutto lo stato dell’arte che la Bmw ha già profuso sulla Serie 1. Sicché i 3 allestimenti (Eletta, Attiva, Futura) con qualsiasi abbinamento di motore (i benzina 118i, 120i, 125i, 135i e il diesel 120d) abbinati a cambio manuale a 6 marce o automatico sequenziale in fatto di prestazioni e sicurezza sono al top. Sarà un bel confronto con Audi A3. (ore 09:00)

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.