Roma – Mazda quasi 5 mesi dopo l’arrivo sul mercato della sua compatta di segmento B, proposta inizialmente in versione 5 porte (la 3 porte arriverà a Giugno) inserisce in gamma la motorizzazione Diesel. Raoul Picello, amministratore delegato di Mazda Italia, sulla scorta delle oltre 4.100 unità fin oggi vendute di Mazda2 col solo motore benzina 1,3 litri (una media di 850 al mese) è convinto che le potenzialità di mercato cambieranno sostanzialmente e Mazda2 potrà meglio confrontarsi con Fiat Grande Punto, Toyota Yaris, Opel Corsa, Renault Clio, Suzuki Swift, Peugeot 207, Nissan Micra, Volkswagen Polo (tanto per ricordare le più vendute in quest’area di mercato in cui ci sono ben 50 modelli).
La novità di questa Mazda2 5 porte è tutta nel motore che si affianca ai benzina 1,3 litri 4 cilindri 16 valvole declinato con due diverse dotazioni di cavalli (75, e 86) e 1.5, 4 cilindri 16v 103 cv.
Il turbodiesel della Mazda2 è un 4 cilindri SOHC common rail MZ-CD (equipaggerà anche la 3 porte) che è in pratica lo stesso propulsore della precedente Mazda2 in edizione riveduta e corretta soprattutto nei consumi e nella economicità d’uso. Realizzato con testata in alluminio, monoblocco e basamento fusi in alluminio e pistoni in lega leggera, cuscinetti di banco di diametro ridotto, camicie, fasce dei pistoni e punterie ad attrito ridotto, sviluppa 68 cv di potenza massima a 4.400 giri/minuto ed ha una coppia di 160 Nm a soli 2.000 giri/minuto, quindi una risposta immediata e omogenea nell’uso cittadino. La combustione è stata ottimizzata grazie ad un sistema common-rail di ultima generazione che inietta il carburante nei cilindri a 1.500 bar con intervalli d’iniezione controllati con estrema precisione. Inoltre, l’iniezione pilota contribuisce a migliorare la combustione, i consumi (solo 4,3 litri per 100 chilometri nel combinato), la coppia e le emissioni (114 g/km di Co2) 
Quando il motore gira al minimo o con un carico ridotto, vengono utilizzate due iniezioni pilota per ridurre al minimo il battito del motore e favorire una guida silenziosa e piacevole.
Ovviamente anche su questa Mazda2 Diesel trova applicazione il principio della leggerezza (c’è un risparmio di 100 chili sul peso della vettura) che si interfaccia con maggiore sicurezza, minori rumorosità e vibrazioni.
In fatto di sicurezza basta ricordare le 5 stelle EuroNcap e che Mazda2 è equipaggiata con ABS a quattro canali, distribuzione elettronica della frenata EBD, assistenza alla frenata, DSC e TCS, il pedale del freno è collassabile, le portiere sono strutturate in modo tale da garantire una protezione aggiuntiva alla testa ed alle spalle dei 5 passeggeri che Mazda2 può trasportare. (ore 09:00)

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.