Praga – Puntuale dopo alcuni mesi, nella Repubblica Ceca, la passerella per l’Octavia Station Wagon. “Il nostro marchio ha fatto passi da gigante offrendo modelli dall’interessante prezzo-valore e lasciando contento il cliente. Una Octavia pietra miliare nel nostro cammino verso il futuro. Con questa SW andremo a confrontarci con Ford Focus, Opel Astra, Peugeot 307, Fiat Stilo, Renault Mégane nella fascia medio bassa del segmento, ma anche con Ford Mondeo, Opel Vectra, Nissan Primera e Toyota Corolla Avensis nella fascia medio alta”, ha precisato nel suo intervento Markus Schrodet, direttore del marketing Skoda.
L’ultima novità Skoda sarà presente al Motor Show a Bologna, in dicembre. Ai margini della foresta boema, a circa 200 km da Praga, nei dintorni della storica Cesky Krumlov, l’Octavia SW ha sciorinato un positivo repertorio su impegnative stradine sovente dal fondo irregolare e scivoloso (la temperatura era intorno a zero gradi). Al volante della 2 litri benzina da 150 cv fino a Senobray, Besednice e Cesky Krumlov per apprezzare l’omogeneità del modello: abitacolo bene arredato e meno tedesco, riprese ed accelerazioni vivaci, frenata pronta, sospensioni opportunamente tarate, sicura tenuta di strada, consumi in linea con la concorrenza. Plancia con superficie piacevole al tatto, consolle centrale che si armonizza con il tunnel centrale, comandi a portata di mano, volante a quattro razze, pomello della leva del cambio che si impugna a dovere, comandi apriporta cromati. Poi viaggio di ritorno verso l’aeroporto di Praga con la turbodiesel 2 litri da 140 cv: prestazioni più brillanti, con qualche decibel di troppo nell’abitacolo, consumi interessanti.
Una “familiare” lunga 4,57 m, larga 1,76 ed alta 1,46, versatile ed affidabile. Non poteva essere diversamente con la cura del Gruppo Volkswagen. Straordinaria la capacità del vano bagagli da 580 a 1.620 litri abbattendo i sedili posteriori. Design elegante, non più freddo, abitacolo spazioso ed un vantaggioso rapporto qualità-prezzo.
L’Octavia SW ha prezzi che partiranno da 18.000 euro per arrivare a 20.000 per la Turbodiesel 2 litri da 140 cv. Inizialmente saranno disponibili 5 propulsori: 1.6 (102 cv, 188 orari, consumo misto 7,2 litri), 1.6 Fsi (115 cv, 198 orari, 6,6 litri) e 1.9 Tdi (105 cv, 191 orari, 5,2 litri), tutti con cambio manuale a 5 marce ed ancora 1.9 Tdi (105 cv) e 2.0 Tdi (140 cv, 207 orari, 5,5 litri) entrambi con trasmissione a 6 rapporti. Successivamente, nel primo trimestre 2005, verranno proposti il 2.0 Fsi (150 cv, 212 orari, 7,4 litri) con cambio manuale 6 marce anche per la 4×4 ed il 1.9 Tdi con cambio Dsg (105 cv), infine, in estate, il 1.4 (75 cv, 169 orari) ed il 2 litri Tdi (140 cv) con cambio Dsg. La differenza di prezzo fra Berlina e SW è di 850 euro. La previsione di vendita è di 7.500 unità in un anno intero, numero che va ad aggiungersi alle 29.548 Octavia Wagon circolanti in Italia. Tre gli allestimenti: Classic (abs, ebd, msr ed asr, 4 airbag, fari fendinebbia, chiusura centralizzata), Ambiente (in più climatronic bi-zona, telecomando per chiusura centralizzata, computer di bordo, portaocchiali) ed Elegance (in più cerchi in lega, antifurto, lavafari, sensori parcheggio, regolatore velocità, predisposizione telefono, piano di carico supplementare). Sulla 4×4, esp ed interni Adventure. La versione a trazione integrale prosegue la tradizione dei modelli 4×4 della Casa ceca e coniuga comfort, potenza, sicurezza e controllo della vettura anche in condizioni pessime del fondo stradale. Una Octavia SW 4×4 che non si è trovata affatto a disagio sia col Diesel 1.9 Tdi da 105 cv col cambio a 6 marce che con quello a benzina 2 litri Fsi da 150 cv. Una Octavia SW solida, onesta, con le carte in regola per soddisfare pienamente la clientela.

La pagella di Automotonews:
posto guida 7,5
plancia e comandi 7,5
strumentazione 7,5
climatizzazione 7,5
visibilità 7,5
finitura 7,5
equipaggiamento 7,5
abitabilità 7,5
bagagliaio 8
comfort 7,5
motore 8
accelerazione 8
ripresa 8
cambio 8
sterzo 8
freni 9
tenuta di strada 8,5
stabilità 8,5
consumi 7,5

(ore 18:15)

SHARE
Cenzo Baj
Nasce sulla carta stampata e si deve adattare alle nuove forme di comunicazione. Tutto, tranne i social network.