Roma – Dal 1977 ad oggi Bmw ha presentato cinque generazioni della sua ammiraglia, la Serie 7, ed ogni generazione ha stabilito un nuovo primato innovativo. 1977, 1986, 1994, 2001, 2008 sono gli anni del debutto delle cinque generazioni ma questa del 2008, da poco sul mercato, stabilisce un record che supera qualsiasi immaginazione in un’epoca in cui la tecnologia consente dotazioni di serie che di fatto anticipano l’auto sicura in assoluto. Sulla nuova Serie 7 se ci fosse alla guida un robot intelligente la parabola della sicurezza avrebbe raggiunto la sua massima espressione pratica.
L’elenco è lungo se lo volessimo dettagliare ma per rendere l’idea basta la sintesi dei capisaldi degli innovativi sistemi di assistenza al pilota anche fra le ammiraglie di lusso: regolazione della velocità con funzione stop&go, avviso di cambio corsia, assistente fari anabbaglianti, riconoscimento notturno di pedoni sulla strada, videocamera di retromarcia, doppi fari allo xeno con funzione di luce diurna, fari fendinebbia e luce dei freni bistadio, ripartizione variabile del fascio luminoso e luci di svolta, chiamata di soccorso avanzata con un esclusivo sistema che collega ad una centrale. In tema di esclusività la massima protezione dei passeggeri con la struttura della scocca ottimizzata abbinata ad una serie di sistemi di sicurezza passiva sintonizzati tra di loro e controllati elettronicamente, cinture automatiche a tre punti in tutti i sedili, airbag laterali anche per la testa, poggiatesta attivi anticrash nei sedili anteriori, pneumatici runflat, indicatore avaria pneumatici, sistema audio con memoria a disco rigido, connettore aux-in, porta usb, sistema audio multicanale, doppio tuner dab, sistema dvd posteriore, idrive controller per la gestione delle funzioni di intrattenimento, telecomunicazione e navigazione dalla zona posteriore. climatizzatore automatico a 4 zone, ventilazione attiva dei sedili, sedili con funzione di massaggio, testo scorrevole ad acustica. La chicca: le quattro ruote sterzanti.
Il resto passerebbe in secondo piano se non fosse che la quinta generazione della Serie 7 è innovativa anche nel design, classico, armonioso, allusivo d’una grande coupé dal momento che il discusso Chris Bangle è tornato a disegnare con stile meno controverso; che gl’interni sono assolutamente da salotto di lusso con soli 4 posti sì ma con tutte le comodità possibili e immaginabili per la massima soddisfazione di ciascun passeggero; che la gamma delle motorizzazioni è stata completamente rinnovata (benzina 4.0 8 cilindri a V con doppio turbo 407 cv e 3.0 6 cildindri in linea doppio turbo 236 cv, turbodiesel common rail 3.0 6 cilindri in linea 245 cv); che il cambio automatico a 6 rapporti con selettore di marcia elettronico consente un comfort di marcia pregevolissimo; che gli ammortizzatori sono regolabili separatemente nella fase di compressione e di estensione; che la dinamica el cambio e la mappatura del pedale dell’acceleratore e del servosterzo sono variabili attraverso il tasto driving dynamic control della console centrale nelle impostazioni comfort, normal e sport.
Certo se volete la Serie 7 dalla tecnologia stupefacente dovete sborsare  109.950 per quella a passo normale o 116,550 per quella a passo lungo. Se vi accontentate di qualche dotazione in meno potete partire da 76.600 o da 90,100. I tre soliti allestimenti – Eletta, Futura ed Eccelsa – per una doppia gamma che offre complessivamente 15 differenti possibilità di scelta (passo lungo solo a benzina).
Abbiamo provato la Serie 7 730d 3.0 6 cilindri 245 cv nell’allestimento Eccelsa.
La pagella di AutoMotonews
design 8
ergonomia 9
posto guida 9
plancia e comandi 9
strumentazione 9
climatizzazione 9
visibilità 9
finiture 10
equipaggiamento 10
abitabilità 10
comfort 10
bagagliaio 9
motore 9
accelerazione 9
ripresa 9
cambio 9
sterzo 9
freni 9
tenuta di strada 9
stabilità 9
sicurezza attiva e passiva 10
consumo 8 (ore 09:00)

Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.

NO COMMENTS

Leave a Reply