Montauban (Tolosa),  Dopo averla mostrata al Salone del’’automobile di Parigi, Citroën presenta adesso la nuova arrivata: C4 Picasso, monovolume che si situa, per dimensioni, esattamente a metà strada tra la Xsara Picasso e la C8, ovvero tra le monovolumi compatte e grandi. C4 Picasso viene definita “visiospace”, epiteto legato all’ampia visibilità e modularità di cui gode, che le sono valse ben 22 record nella categoria (tra cui la più ampia superficie vetrata, la migliore visibilità laterale, la migliore visibilità nella ¾ anteriore e la migliore visibilità nella ¾ posteriore). Lo stile è fluido e dinamico e le ampie superfici vetrate, tra cui soprattutto l’ampio parabrezza panoramico grandangolare “wide angle screen”, si fanno immediatamente notare e identificano a colpo d’occhio la C4 Picasso. Oltre all’eccezionale luminosità di cui la vettura gode, altra caratteristica è data dallo spazio interno. Grazie alla consolle centrale snellita dai vari pulsati (che vengono posizionati sul volante) e senza la leva del cambio tra i due sedili, ma posizionata sopra il volante in stile americano, si ottiene un guadagno di spazio non indifferente, che permette tra l’altro la dislocazione di utili portaoggetti (come ad esempio la spazio refrigerato nella consolle centrale). L’eccezionale modularità della C4 Picasso passa per la semplicità con cui la vettura si trasforma da 5 a 7 posti. Un semplicissimo movimento a tirare permette l’estrazione dei sedili dal pianale e il loro reinserimento. Con 7 posti la capienza del bagaglio è di 208 litri (più 80 litri dei vani porta oggetti sotto la terza fila), con 5 posti di 576 litri, abbattendo anche i sedili posteriori si ottengono 1951 litri, il massimo della categoria. Grande attenzione è stata prestata anche al comfort a bordo, sonoro e termico. A livello sonoro è stato ottenuto grazie alle sospensione pneumatica autolivellante che equipaggia, secondo i livelli di finitura, l’assale posteriore. Conservare un assetto costante, indipendentemente dal carico, mantiene inalterati il comfort, il piacere di guida e di conseguenza la sicurezza con qualunque carico. La sospensione pneumatica posteriore autolivellante permette anche di abbassare o sollevare la soglia del bagagliaio, con veicolo fermo, per facilitare il carico. La manovra è molto semplice e si effettua con la pressione prolungata del comando che si trova nel bagagliaio. Nelle fasi di salita/discesa si sente un segnale sonoro. L’altezza di soglia del bagagliaio varia da 50 a 64 cm rispetto al suolo. Terminate le operazioni di carico, è possibile riportare il veicolo all’assetto iniziale in due modi: automaticamente, dopo l’avviamento del veicolo e il superamento della velocità di 10 km/h, o manualmente premendo due volte il comando. Per quanto riguardo il comfort termico, invece, è stato sviluppato un nuovo sistema di climatizzazione che prende in considerazione le specificità di C4 Picasso (grande volume interno e ampia superficie vetrata). C4 Picasso può essere equipaggiata di climatizzazione automatica a quattro zone, con regolazioni singole del flusso d’aria, posizionate ad altezza intermedia sui montanti a destra e a sinistra della seconda fila. La funzione “rest”, inoltre, permette di conservare la ventilazione, con motore spento, per brevi soste (fino a 8 minuti, secondo lo stato di carica della batteria). Per combattere il freddo poi, C4 Picasso dispone anche di un nuovo riscaldamento abitacolo veloce, sulle versioni diesel, che permette di accelerare l’aumento della temperatura nell’abitacolo e la rapidità di sbrinamento, in condizioni climatiche particolarmente fredde. Tra le varie soluzione tecnologiche che vengono proposte, l’”Easy parking system” è senza dubbio quello che merita attenzione. C4 Picasso è il primo veicolo a proporre, secondo il livello di finitura, un sistema di rilevazione dello spazio disponibile. Questo equipaggiamento assiste il conducente nella ricerca di parcheggio e lo informa se lo spazio libero

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.