Barcellona, Contestualmente al lancio del nuovo Pajero, Mitubishi presenta la terza vettura che completa il quadro dei 4×4 con i quali intende puntare al cuore del segmento dei fuoristrada. Il nuovo Outlander, seconda generazione, deriva da quello già commercializzato in Giappone nel 2005 (con vendite sostenute nel mercato interno) e sarà anche il primo esempio in Europa dell’inedita piattaforma globale di Mitsubishi motors. Sviluppata in collaborazione con DaimlerChrysler, questa piattaforma porterà alla realizzare di 10 nuovi modelli per vari segmenti di mercato, che saranno lanciati nei prossimi anni. Nuovo Outlander è 10 cm più lungo del modello uscente (lunghezza che gli consente di passare in modalità a 7 posti) e ha una linea dura ma molto dinamica, col frontale in cui domina la mascherina “monte Fuji” e il posteriore che perde la ruota di scorta esterna (Outlander vuole essere un può più Suv che fuoristrada, per il quale Mitsubishi si affida al fratello maggiore Pajero) per proporre una più elegante combinazione di gruppi ottici oscurati e con led. Sfruttando l’adattabilità della nuova piattaforma globale, Outlander è dotato degli stessi livelli di sicurezza attiva (5 stelle Euroncap) e piacere di guida tipici delle berline, grazie a sospensioni indipendenti sulle 4 ruote, freni ad alta prestazione e baricentro basso, ottenuto anche grazie al tetto in alluminio (una tecnologia sperimentata già con Lancer evolution IX). Con il suo nuovo sistema di trasmissione “all wheel control”, è adatto a viaggiare sia su strada sia su fuoristrada, anche se è decisamente meno aggressivo del fratello maggiore dotato di ripartitore. Il sistema “all wheel control”, che abbina il sistema di controllo attivo della stabilità Acs (comprendente il controllo di trazione) con la trazione integrale a gestione elettronica, consente una progressione uniforme sui fondi sterrati, passando dalle due alle quattro ruote motrici bloccate. L’abitacolo è stato concepito con una linea pulita e grande attenzione ai dettagli, per un design che unisce efficacemente sportività e funzionalità, caratteristiche tipiche per una Suv. Il sapore sportivo deriva da rimandi motociclistici. La linea degli strumenti è caratterizzata dal contrasto fra l’argento metallizzato ed il nero dello sfondo, mentre forma e rivestimento della consolle centrale evocano il telaio di una motocicletta. Tra i dispositivi elettronici di bordo, che variano a seconda delle versioni e dei mercati, e che sono indispensabili per una vettura Suv, troviamo il sistema di navigazione con schermo lcd da 7 pollici e disco fisso da 30 gb, il lettore dvd con schermo lcd da 9 pollici per i sedili posteriori e il nuovo sistema audio progettato da Rockford corporation (in Usa seconda nel campo degli impianti acustici dopo il leader Bose) che prevede un amplificatore a 8 canali che eroga un totale di 650w, un subwoofer da 25 cm in un contenitore da 20 litri, 9 altoparlanti dislocati in 7 punti, un processore digitale del suono che consente di creare il campo di ascolto ottimale e porte con casse acustiche e in sonorizzazione. Con il diesel che rappresenta il 63% del segmento Suv medi in Europa, bisognava sopperire a questa mancanza. Ecco che le motorizzazioni sono quindi due: un nuovo diesel 2.0did con intercooler, 16 valvole, 140 cv, 310 Nm di coppia, abbinato a un cambio manuale a sei marce, a norma Euro 4, per una velocità massima di 187 km/h; e un benzina, che arriverà in seguito, 2.4 Mivec, 170 cv, coppia da 276 Nm, abbinato a un cambio manuale o automatico a sei rapporti. Sugli allestimenti si sa ancora poco, solo che saranno 4, in quanto il lancio del nuovo Outlander è previsto per febbraio 2007, in base ad un accordo con Psa Peugeot-Citroën. Al Motor show di Bologna sarà esposta solo la concept, l’anteprima avverrà al Salone di Ginevra. Si sa poco anche sui prezzi che, a titolo comparativo, non dovrebbero discostarsi molto da quelli di Toyota Rav4 che, assieme a Hyundai Santa Fe, sono i diretti r

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.