Logrono (Spagna) – Peugeot, dopo il confronto alla 24 ore di Le Mans (vinto l’anno scorso), ha deciso di sfidare l’Audi anche sui mercati. Lo fa con una special car con l’abito di una fascinosa e seducente coupé denominata RCZ per affrontare la TT, con la quale qualcuno intravede qualche analogia di design, più che con la Volkswagen Scirocco che non ha lo stesso fascino da attrazione… fatale. RCZ e TT per altro si confrontano anche per i motori, le potenze disponibili e l’abitabilità da 2+2, seppure la tedesca degli Anelli possa anche vantare V6 e 5 cilindri che non sono però da grandi numeri. Peugeot gioca una carta importantissima nel posizionamento che scaturisce da una dotazione di serie comune a tutti gli allestimenti, che la rivale non ha se non come optional e quindi l’aggiunta di un bel gruzzolo di euro, e da un listino prezzi di sicura presa. Basti considerare che la TT parte da 32.101 euro e la RCZ da 26.500 e che in questo prezzo sono compresi tra l’altro: alzacristalli elettrici anteriori sequenziali antipizzicamento con “short drop”; appoggiagomito centrale anteriore con cassetto portaoggeti; cassetto portaoggetto refrigerato e illuminato; climatizzatore automatico bi-zona; panchetta posteriore 2 posti con schienale ribaltabile monoblocco; regolatore e limitatore di velocità; retrovisori esterni riscaldabili a regolazione elettrica ripiegabili; rilevatore posteriore di ostacoli; sedile pilota e passeggero sportivi regolabili in altezza; servosterzo ad assistenza variabile; volante regolabile in altezza e profondità; wip sound (radio mono cd Mp3), wip Bluetooth con presa Usb e presa audio jack; Abs, Afu, Ref, Esp, Hill assistit; intelligent traction control; airbag pilota, passeggero e laterali torace; fissaggi Isofix posteriori; parabrezza stratificato; spoiler posteriore attivo; superchiusura con apertura selettiva; chiusura automatica delle porte in marcia; chiusura centralizzata con telecomando (2 telecomandi a 3 pulsanti); archi in alluminio; cerchi in lega 18 pollici; doppio terminale di scarico cromato; consolle centrale nero madreperla brillante; fari fendinebbia; gruppi ottici posteriori a Led e a luce diffusa; lunotto a doppia curvatura; pedaliera, poggiapiede e battitacco in alluminio; volante leva cambio e volante in pelle con inserti cromati. Una RCZ, con ambizioni abbastanza suffragate dai contenuti in rapporto ai prezzi. Il design ha tutta l’aggressività dell’auto sportiva, gli interni hanno quel tocco di lusso che può fare alzare l’indice di gradimento e le necessarie raffinatezze sportive che vengono esaltate dal doppio scarico che emettono un ruggito affinato con la tecnologia Sound System, la tenuta di strada è garanzia di sicurezza in marcia. Guidarla è un piacere imperdibile quale che sia la caratteristica della strada che si sta percorrendo. L’ottimo rapporto peso/potenza (con tutte le motorizzazioni) e il Cx di 0,32 esaltano le qualità aerodinamiche di questa sportiva pura che esibisce anche uno spoiler posteriore ad apertura automatica appena si superano gli 85 km/h. (ore 09:00)
NEGLI ARGOMENTI CORRELATI TUTTI I DETTAGLI DELLA RCZ

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.