Balocco – Fiat Freemont in poco tempo ha già conquistato il mercato italiano. Da giugno a dicembre 2011 sono stati 25.000 gli ordini e il suv-mpv-station wagon (come lo identificano in casa Fiat) è la 7 posti più venduta nel nostro Paese. Freemont però sta affrontando un viaggio globale, a breve sarà commercializzato anche in Cina e in Russia, e per procedere con lo step successivo ecco che viene lanciato in versione AWD, disponibile qui in Italia da Febbraio con un aggiunta di 3.500 euro al prezzo di listino.
Di tipo “on demand”, la trazione integrale attiva AWD di Fiat Freemont è dotata di una centralina elettronica che, tramite sensori, rileva l’aderenza delle quattro ruote e decide quando trasmettere trazione al posteriore. Le possibilità d’intervento sono previste in caso di fondi a bassa aderenza (fango, neve, ghiaccio) per garantire maggiore trazione e nessuna limitazione di percorso, oppure in caso di fondi asfaltati per garantire trazione aggiuntiva e maggiore sicurezza nella percorrenza in curva. In caso di fondo regolare, la trazione è sempre all’anteriore e l’intervento dell’integrale può portare ad una ripartizione massima di 55:45. In particolare, il sistema elettronico modula il trasferimento di coppia attraverso l’utilizzo del giunto a controllo elettronico Ecc (Electronically Controlled Coupling), più flessibile e più preciso di un giunto viscoso o di un sistema Torsen. La centralina, inoltre, s’interfaccia anche con l’Esp e il sistema di controllo di trazione.
La tecnologia AWD interviene ottimizzando la trazione attraverso le seguenti strategie: controllo preventivo, in questa fase il sistema agisce senza considerare lo slittamento delle ruote ma analizzando solamente l’azione del guidatore sul pedale in base alle condizioni di guida; controllo di slittamento, che usa i feedback dei sensori di velocità delle ruote per determinare la coppia appropriata da trasferire (quando le ruote anteriori slittano, l’Ecu, l’Electronic Control Unit, attiva il giunto a controllo elettronico per cominciare a trasferire potenza alle ruote posteriori); miglioramento della guidabilità a velocità moderata, in questo caso il sistema AWD è usato per ottimizzare la dinamica del veicolo; controllo preventivo per slittamenti durante le curve a basse velocità, la centralina utilizza il sensore dell’angolo di sterzata per determinare quando il veicolo sta sterzando con un angolo stretto (questa condizione induce la centralina a ridurre la coppia alle ruote posteriori per prevenire slittamenti).
La nuova versione AWD può essere equipaggiata con il propulsore 2.0 Multijet 2 da 170 cv o con il nuovo 3.6 benzina 280 cv della famiglia Pentastar del Gruppo Chrysler, entrambi abbinati ad un nuovo cambio automatico a sei rapporti.
Oltre a questa nuova versione, al nuovo motore benzina e al nuovo cambio, ci sono anche quattro nuovi colori di carrozzeria e un nuovo allestimento, Lounge, che va ad aggiungersi ai due livelli già in gamma (Freemont e Urban). Al top di gamma, in aggiunta ai contenuti presenti nei primi due allestimenti, Lounge si presenta con cerchi in lega da 19” bruniti, maniglie esterne della porta cromate e barre longitudinali cromate mentre, all’interno, spicca la selleria in pelle. Il nuovo allestimento propone di serie il meglio nel campo della dotazione infotelematica: navigatore satellitare a mappe da 8,4” Touch Screen con lettore dvd e slot sd, telecamera posteriore di parcheggio e impianto audio Alpine con 6 premium speaker, amplificatore da 368 watt e subwoofer. (ore 19:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply