Vallelunga – Sei generazioni, tra la prima e quella che debutta. Un arco temporale di 36 anni. Per l’incessante e inarrestabile progresso tecnologico fatto registrare dalle auto da allora ad oggi un periodo che sembra un baratro. La Serie 3, che Bmw ha fatto esordire nel 1975, ha sempre colmato le distanze tra una generazione e l’altra (oggi la storia infinita ne conta sei) rimanendo fedele a se stessa, pur nella inevitabile continua metamorfosi di immagine e di contenuti, riuscendo ad esprimere una mirabile sintesi di ragione e sentimento. Ovvero la praticità e la sportività.
Serie 3 sesta generazione, quindi. Completamente diversa nella forma e nella sostanza rispetto alla quinta generazione arrivata nel 2005 che pure aveva fatto registrare un salto in alto per qualità, design e contenuti. Innanzitutto perché più che in qualsiasi altra precedente nella Serie 3 di oggi si coglie evidente l’appartenenza alla “famiglia” con le citazioni, rielaborate e personalizzate, che arrivano dalle Serie 5 e 7 (la coda) e persino dalla Z4 (il “muso”). Inoltre, perché il capitolo che viene scritto ha una struttura… narrativa proiettata nel futuro piuttosto che agganciata al presente di questo modello, il più classico dei bavaresi. Basti considerare le motorizzazioni efficienti, il cambio automatico a 8 rapporti che si può abbinare a tutte le versioni(inedita applicazione nella categoria),i quattro programmi di guida e il sistema Start&Stop di serie. Nel prendere le… distanze dalla quinta generazione, la sesta si propone con tre cosiddette Line – Sport(prese d’aria ingrandite, cerchi a 5 razze, particolari in nero all’esterno e in rosso nell’abitacolo), Modern (elementi decorativi in alluminio satinato, cerchi in stile turbina, interni con materiali naturali) e Luxury (cromature diffuse e cerchi multiraggio)- ciascuna con peculiarità e caratteristiche differenti, tre personalità diverse per l’unicum chiamato Serie 3.
Più lunga, più larga e più spaziosa la nuova Serie è strutturalmente soprattutto più bassa, filante ed elegante della Serie 3 del 2005. Il muso slanciato è sormontato da un cofano piatto che evidenzia due grandi nervature ed un arco verso la mascherina ad effetto tridimensionale; i fari ancora a  doppio proiettore sono più snelli e si fondo col “Rene” centrale. La fiancata slanciata e il posteriore raccolto si fondono in un insieme che gratifica lo sguardo degli estimatori di questa modello.
La definizione dell’interno supera i confini del segmento di appartenenza, pur ponendo la Serie 3 nell’aria premium di quest’area di mercato. Sia per l’ambientazione, sia per il comfort, sia per la sicurezza. Pilota e passeggeri viaggiano come in un salotto di lusso impreziosito da dettagli di assoluta qualità.
Il cuore, anzi i cuori, ovvero i motori, svolgono ruoli determinanti. I Diesel sono due 4 cilindri 2,0 litri con 163 cv e tecnologia EfficientDynamic (pacchetto TwinPower turbo con turbo a geometria variabile, iniezione diretta common rail con iniettori a solenoide) capace di fare 100 chilometri con 4,1 litri di gasolio ed emettere 109 grammi di CO2 per chilometro, o con 184 cv. I benzina sono un 4 cilindri 2,0 litri 245 cv e un 6 cilindri 3,0 litri 306 cv. Il 2 litri è un downsinzing a tutti gli effetti: i suoi 245 cv si distribuiscono 122,7 cv/litro, il consumo medio omologato è di quasi 16 chilometri con un litro di benzina. La raffinatezza progettuale è tutta da scoprire: turbocompressore con tecnologia twin scroll, iniezione diretta della benzina a fasatura variabile col doppio Vanos, sia sul lato di aspirazione sia su quello di scarico, Valvetronic che gestisce l’alzata delle valvole, senza la tradizionale “farfalla”, migliorando l’efficienza che si avvale  di un rapporto di compressione elevato di 10:1 per l’effetto raffreddante della benzina iniettata direttamente nel  cilindro.
Sistemi di sicurezza, per l’infotainment e aiuti alla guida: sulla nuova Serie 3 lo stato dell’arte tecnologico è presente a profusione ed in quest’area ConnectedDrive è un autentico fiore all’occhiello insieme con  EfficientDynamics e Driving Dynamics (che sono due esclusive Bmw)
Il tutto aspettando, in estate, la M3, e in autunno l’inedita ActiveHybrid, accoppiata tra un 6 cilindri benzina 306 cv e un elettromotore da 54 cv. (ore 09:00)
ARGOMENTI CORRELATI
– DESIGN
– MOTORIZZAZIONI
– TRASMISSIONI
– ASSETTO
– STERZO E FRENI
– CONNECTEDDRIVE
– ALLESTIMENTI GAMMA E PREZZI
– LA PAGELLA