Marsiglia – La 3008 è stata la prima auto al mondo ad abbinare la alimentazione diesel a quella elettrica. L’esempio della crossover di Peugeot ha fatto proseliti in famiglia con la Citroen DS5 Hybrid4, in Mercedes con la E300 Bluetec Hybrid (in vendita a maggio) e in Volvo con la V60 Plug-in Hybrid (nelle concessionarie italiane a fine anno). Nel frattempo il Leone fa sentire ancora il suo ruggito proponendo la crossover 508 RXH con la stessa tecnologia della 3008 alla quale seguirà in estate la berlina 508 Hybrid4.
La 508 crossover RXH, prodotta a Socheaux mentre la parte ibrida è assemblata a Mulhouse, è proposta in allestimento unico al prezzo di euro 43.000, arriverà sul mercato in maggio, ed è equipaggiata con tutto quello che lo stato della arte della tecnologia permette ad un costruttore come Peugeot che privilegia non solo la sicurezza ma anche il comfort e la guida. Gli optional sono solo il climatizzatore quadrizona (di serie è bi-zona), l’intelligent electronic key, il portellone posteriore motorizzato, la selleria in pelle nappa o pelle e Alcantara, l’impianto hi-fi Jbl (se non vi accontentate di quello di serie)
Le differenze di design rispetto alla station wagon dalla quale deriva si colgono nella calandra leggermente modificata da un contorno avvolgente e da tre file di Led che la rendono riconoscibile anche di giorno. Inoltre la vettura è stata rialzata di 50 mm, ha passaruota allargati sottolineati da profili in tonalità ferro scuro e protezioni in metallo satinato.
Quattro porte, 5 posti, la carta vincente della 508 RXH è quella già giocata da Peugeot con la 3008, ovvero la trazione Hybrid4 col felice matrimonio tra l’unità turbodiesel HDi di 2 litri 163 cv e l’unità elettrica di 37 cv per un totale di 200 cv, abbinati al sistema Stop&Start di ultima generazione, che garantiscono insieme consumi da city car (4 litri per 100 chilometri) ed emissioni di CO2 di 107 grammi/chilometro. La trasmissione abbinata al motore termico è un cambio robotizzato sequenziale a 6 rapporti con leve dietro il volante.
I due motori possono funzionare in modo alternato o contemporaneamente. L’unità elettrica è montata nel posteriore al centro del modulo costituito da bracci multipli, è dotata di batterie di tipo Nickel Metallo idruro posizionate sotto il piano di carico che si aggiungono alla tradizionale batteria da 12V e nelle fasi di decelerazione un sistema di recupero trasforma l’energia cinetica in energia elettrica per ricaricarle. Il motore termico (muove le ruote anteriori) funziona in modo ottimale sui percorsi extraurbani e in autostrada, quello elettrico (muove le ruote posteriori) subentra nelle partenze e/o nella guida a velocità ridotta. Il passaggio dal motore elettrico a quello termico avviene automaticamente per mezzo dello Start&Stop. I due motori possono anche funzionare insieme ad esempio in caso di accelerazioni violente. Il motore elettrico consente di eliminare i cali di coppia nei cambiamenti di marcia. In questo contesto tecnologico in primo piano anche la possibilità di avere quattro modalità di guida: “Auto”, l’elettronica gestisce automaticamente tutto il sistema; “zev”, zero emissioni con la motricità elettrica se le batterie sono cariche al 50% e si disattiva oltre i 60 km/h o dopo circa 4 chilometri di uso continuato; “4Wd”, i motori funzionano contemporaneamente; “Sport” consente la combinazione di 200 cv. (ore 10:00)
NEGLI ARGOMENTI CORRELATI
TUTTI I DETTAGLI DEL 508 RXH