Lione – La via dell’Estremo Oriente per produrre in joint venture è ancora praticata dal Gruppo Psa. Le economie di scala hanno una logica inoppugnabile: risparmio produttivo. Così la evoluzione della Citroen C-Crosser, diventata C4 Aircross e della Peugeot 4008 continuano a nascere nella fabbrica giapponese della Mitsubishi derivate ancora dalla Asx (acronimo di Active smart crossover, ovvero Crossover attivo e intelligente), tutte su base Outlander. Ma questa volta prendendo le distanze dal modello nipponico, concretizzando una francesizzazione che non è solo un distinguo di design ma anche motoristico. Dalla Asx C4 Aircross e 4008 attingono la struttura, neanche tutta dal momento che il davanti, il montante C e la terza luce sono state ridisegnate.
Nello specifico della Citroen C4 Aircross il… passaggio in Francia è evidentissimo nella parte anteriore per recuperare l’eleganza delle berline del brand francese asservendola alle linee muscolose del crossover. Questa operazione è stata ispirata dalla concept car Hypnos e si evidenzia nella personalizzazione del frontale, che presenta i fari diurni a led disposte orizzontalmente come su nuova C1 e DS3, che anticipa lo stile di tutte le Citroen che verranno, e nei gruppi ottici posteriori mentre gli indicatori di direzione sono integrati nei retrovisori e la telecamera di retromarcia è inserita nella fascia cromata del portellone.
Trazione anteriore e in alternativa integrale che consente utilizzando una manopola di avere a scelta tre modalità selezionabili manualmente (2 ruote motrici riduce i consumi di carburante, 4 ruote motrici ripartisce automaticamente la trasmissione della coppia tra l’assale anteriore e quello posteriore, Lock garantisce la massima motricità in condizioni difficili aumentando la coppia trasmessa alle ruote posteriori del 50% rispetto).
Le motorizzazioni sono le più attuali delle quali il Gruppo Psa dispone. I turbodiesel sono il 1.6 Hdi 115 cv, il 1.8 Hdi 150 cv con sistema di distribuzione a fasatura variabile (unico sul mercato) entrami abbinati alle 2 e alle 4 ruote motrici e ad un cambio manuale a 6 rapporti. Uno solo il motore benzina, il 1.6 16v 115 cv doppio albero a camme in testa e sistema di distribuzione a fasatura variabile è proposto solo con 2 ruote motrici e cambio manuale a 5 rapporti. Tutte le unità motrici hanno la tecnologia Stop&Star, l’alternatore automatico che recupera l’energia in frenata e in decelerazione, il servosterzo elettrico.
A bordo spazio e comodità per tutti i passeggeri in un abitacolo che offre di tutto di più soprattutto in fatto di sistemi di infointaiment alto di gamma (l’equipaggiamento hi-fi è stato studiato dallo specialista Rockford Fosgate),utili in un lungo viaggio. (ore 21:00)
ARGOMENTI CORRELATI
– Design
– Motori
– Meccanica & Trasmissione
– Sicurezza
– Tecnologia
– Gamma & prezzi
– La pagella