Bari – Scrivo Gran Turismo e penserete ad un’auto sportiva. Nella fattispecie Bmw si tratta di ben altro. Come dimostra la Serie 3 Gran Turismo, cinque porte con coda alta emula per impostazione e architettura della Serie 5 Gran Turismo. Una soluzione che si innesta nella gamma dell’auto dell’Elica più venduta al mondo che pesa per il 33% nel contesto di tutte le Bmw: più di 12 milioni di unità dal 1975, anno della prima generazione, ad oggi.
Per realizzare la Gran Turismo in Bmw non sono partiti dalla berlina 4 porte, nel senso che la piattaforma di partenza è quella ma lo sviluppo ha preso un’altra direzione. Perché il confronto la GT lo fa con la Touring, che nel linguaggio Bmw equivale a station wagon, per dimostrare che un’auto che porta impresso il marchio GT può essere, e lo è, più capiente di una “familiare” in tutti i sensi, in quanto ad abitabilità e bagagliaio. I designer di Monaco di Baviera sono riusciti a realizzare un’auto fuori dalle righe dandole più possibilità di quanto non ne abbia una station wagon.
Serie 3 Gran Turismo, quindi, e come accennato Serie 5 GT docet. La formula è analoga. Le dimensioni rispetto alla Touring crescono, il padigione degrada dolcemente verso la coda (nella quale, soluzione inedita, è alloggiato uno spoiler che si solleva automaticamente superata una certa velocità) non solo per garantire la migliore abitabilità anche nel posteriore ed una maggiore capacità di carico ma anche per conferire al design quella linea da coupé che rende merito alla definizione Gran Turismo al di là della filosofia di pensiero che ha ispirato questa macchina.
L’abitacolo è molto salottiero quale che sia l’allestimento scelto, il cockpit orientato verso il pilota ne esalta i contenuti di ergonomia e spazio per i 4 o 5 a bordo, le soluzioni di funzionalità (gli schienali dei sedili posteriori regolabili, le rotaie in alluminio nel vano bagagli con il portellone automatico (si apre e chiude anche dall'abitacolo) la chicca aerodinamica costituita dall’air curtain che lavora in sinergia con l’air breather (il flusso d’aria entra da un foro all’estremo della griglia e viene convogliato passando sulla ruota verso una finestra d’uscita, prima delle portiere anteriori) sono le credenziali di una formula che nel contesto della gamma Serie 3 avrà sicura presa su una ampia fascia di clienti.
La gamma motori è adeguata alle ambizioni di questa Gran Turismo sui generis. Tre i benzina: i 4 cilindri 2.0 184 cv e 2.0 245 cv, il 6 cilindri 3.0 306 cv. Due i diesel: 1.8 143 cv e 2.0 184 cv (i diesel avranno successivamente il rinforzo di altre due unità). Tutte le motorizzazioni sono dotate dell’attuale tecnologia TwinPower Turbo. La trasmissione di potenza alle ruote posteriori avviene di serie attraverso un cambio manuale a sei marce. Per tutte le motorizzazioni viene offerto come optional il cambio automatico a otto rapporti. Entrambi i cambi sono dotati della funzione automatica start/stop che contribuisce a ridurre i consumi.
Quattro gli allestimenti. Base, Sport, Modern e Luxury con dotazioni di serie adeguate che configurano una gamma di 22 versioni con prezzi compresi tra 38.940  (320i Base) e 52.790 (335i Luxury).
RENATO CORTIMIGLIA