Villafranca (Verona) – H6 dopo Voleex. Più che con la prima proposta la Grande Muraglia (Great Wall) si apre all’Europa con un prodotto decisamente europeo. Pensato, progettato, realizzato nel cuore del Vecchio Continente, a Lovech in Bulgaria dove il costruttore cinese ha posto le basi per la sua avanzata commerciale avendo come teste di ponte importatori in Bulgaria, Gran Bretagna e Italia  (Eurasia, sede a Palazzolo sull’Oglio in provincia di Brescia) che è stata la prima in Europa nella strategia di mercato e che oggi (dal 2006) conta su un parco circolante di 8.850 unità, 60 concessionari e 54 punti assistenza.
H6 si inserisce nell’area di mercato delle crossover che l’anno scorso ha consuntivato 141.437 unità che hanno rappresentato il 10,79% dell’intero mercato e nei primi due mesi dell’anno appena iniziato ne ha sommate 29.643 che rappresentano il 12,44% sul totale di gennaio e febbraio. Mercato nel 2013 dominato dalla Nissan Qashqai che solo in questo inizio di anno ha subito il sorpasso della Peugeot 2008.
Il design della H6 (realizzato su 4,640 m di lunghezza, 1,825 di larghezza, 1,745 di altezza con un passo di 2,680 m) pur con qualche déjà vu presenta armonie e fluidità di linee che costituiscono un unicum ben definito e connotato che potrà incontrare i gusti diversi della specifica clientela che guarda con sempre maggiore interesse alle offerte crossover. E’ di stile europeo anche l’interno, capiente, comodo e modulabile (i sedili avvolgenti con possibilità di regolazioni) per cinque persone, selleria in pelle, plancia elegante e ben predisposta (comandi facili e intuitivi; la radio, il telefono e il cruise control sono controllabili da comandi al volante regolabile in altezza e profondità), rifiniture di buona qualità, bagagliaio ampio (il più capiente della categoria, 808 decimetri cubici che diventano 2.010 con i sedili posteriori abbassati), vita a bordo piacevole confortevole (climatizzatore elettronico con filtro antipolline; sensori di parcheggio con telecamera; sistema multimediale Hi-Fi con display Lcd 7 pollici, Bluetooth con vica voce, porte Usb, presa Aux, sistema audio Cd Mp3 e radio Rds; sensori diurni; sensori pioggia, controllo pressione pneumatici; chiusura centralizzata con “find me” e “follow me home”; apertura porte con sistema ad avvicinamento Pke; sensore crepuscolare per fari e sensore pioggia).
Per soddisfare la più ampia richiesta europea anche la dotazione di sicurezza attiva (scocca portante a deformazione programmata) e passiva è di alto profilo. L’impianto frenante (doppio circuito servoassistito con dischi anteriori e posteriori) è supportato dal sistema Abs integrato con Ebd ed Esp, Completano la dotazione gli airbag lato guida, passeggero, laterali e a tendina (queste due ultime dotazioni non di serie su tutta la gamma), i poggiatesta attivi nei sedili anteriori (solo per l’alto di gamma), gli agganci Isofix nei sedili anteriori, l’Hill Holder (non di serie).
Inseguendo anche in questo caso i gusti del variegato popolo dei clienti del Vecchio Continente H6 è dotata  sia di trazione anteriore sia di trazione integrale caratterizzata dal sistema torque on demand ed è equipaggiata con un motore turbodiesel 1.996 cc 4 cilindri 16 valvole 143 cv iniezione diretta tipo common rail, sistema Start&Stop, abbinato ad un cambio manuale a 6 rapporti. E’ un motore Euro 5 che non premia molto la H6 considerato che il regolamento Euro 6 è alle porte.  La meccanica è tradizionale: sospensioni anteriori a ruote indipendenti tipo McPherson, le posteriori anch’esse a ruote indipendenti tipo Multilink, lo sterzo è a cremagliera con servosterzo idraulico.
Dalla combinazione delle due tipologie di  trazioni e dei tre  allestimenti (One, Star e Premium) la H6 in Italia affianca nel listino Great Wall la Voleex (due allestimenti) con una gamma di quattro allestimenti e prezzi di assoluta concorrenza per i contenuti che ciascuno presenta e soprattutto per i 5 anni di garanzia, piatto forte sulla tavola dell’offerta (solo Kia supera Great Wall con 7 anni): H6 One 2WD chiavi in mano euro 21.980, H6 Star 2WD 23.800, H6 Star 4WD 26.960, H6 Premium 4WD 27.960. Nell’area di mercato dei crossover 4WD nel paragone con Great Wall H6 Star solo SsangYong Korando (2.0e Xdi) ha un prezzo riparametrato inferiore di 301 euro, tutti gli altri concorrenti sono al di sopra in una forbice compresa tra i 1.919 euro di Nissan Qasqhai (1.6 dCi) e i 7.573 di Subaru Forester (L Trend; confronto con H6 Premium).

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.