Mercedes GLA, il primo crossover della flotta stellare

Mercedes GLA, il primo crossover della flotta stellare

Roma – Errato ritenere che sia una reinterpretazione a ruote alte e dimensioni compatte della Classe A. La GLA, prima crossover della flotta stellare, riesce a coniugare i pregi della categoria sempre più richiesta in Europa con i consumi di un’auto di dimensioni ridotte. Ma, ovviamente, non nasconde la parentela con la Classe A che sono evidenti anche se la marcata personalità che si evidenzia nei fari a sviluppo orizzontale, nella linea pronunciata delle fiancate e nell’altezza inferiore al metro e mezzo la rendono diversa dalla berlina. A fare la differenza ci sono altresì il frontale prominente con la Stella al centro, le curvature ellittiche che conferiscono un aspetto sportiveggiante al cofano motore, la griglia con due lamelle, i fendinebbia integrati nel paraurti.
Il dejà-vu Classe A si evidenzia maggiormente nell’abitacolo e non basta l’inserto in alluminio della plancia ad allontanare il confronto. GLA è il quarto dei nuovi modelli compatti di Mercedes nati dalla stessa piattaforma ma sviluppate con mission diverse e si aggiunge in gamma a Classe A, Classe B e CLA coupé. Inoltre amplia l’offerta della Casa di Stoccarda nell’area di mercato degli sport utility in cui si trovano già Classe GLK, ML, Classe GL e Classe G (nessun costruttore premium propone un’offerta così ampia).
Agile e versatile in città, senza preclusioni nel fuoristrada, performante nei tratti autostradali, la GLA propone un abitacolo flessibile al di là di quel che ci si aspetta da un’auto di questa categoria. Ad esempio i sedili posteriori non solo si ribaltano completamente ma è possibile variare anche l’inclinazione; il vano bagagli agevola lo stivaggio grazie al bordo basso di carico e all’ampio portellone (in optional ad apertura e chiusura automatica).
La gamma dei motori a benzina comprende i 4 cilindri in linea di 1.595 cc 156 cv e 1.991 cc 211 cv; quella diesel propone il 4 cilindri in linea di 2.143 cc 136 e 170 cv. Propulsori già apprezzati su altri modelli della Stella che per la GLA sono abbinati al cambio manuale (a tre alberi) a 6 marce o al cambio automatico a doppia frizione a 7 marce 7G-Dct. Per la prima volta per una trasmissione di questo tipo l’alimentazione dell’olio è affidata a una pompa meccanica e ad una elettrica che ha il compito di mantenere costante la pressione dell’olio quando il motore viene spento dalla funzione Eco Start/Stop sicchè al successivo avviamento il cambio è subito pronto a entrare in funzione e la partenza avviene senza ritardi. La pompa elettrica ha anche il compito di assistere la meccanica nei picchi di carico. Con la trasmissione 7G-Dct si hanno a disposizione quattro programmi di innesto: economy, sport, manuale e Offroad. Anche la trazione integrale 4Matic è quella già nota e apprezzata su altri modelli della Stella.
Sicurezza ai massimi livelli: ai sette airbag si aggiungono i pretensionatori e i limitatori della forza di ritenuta delle cinture anche per i passeggeri posteriori, il sistema di protezione preventiva degli occupanti Pre-Safe e il cofano motore attivo. Lunga e completa la lista dei sistemi di assistenza alla guida tra i quali citiamo il rilevamento di sovraffaticamento o sonnolenza del guidatore attention assist e collision prevention assist con tecnologia radar e brake assist adattivo, l’ausilio alla marcia in discesa Dsr.
La gamma italiana dell GLA si articola sui tradizionali allestimenti Mercedes che sono Executive, Sport e Premiuim e dalla combinazione degli allestimenti con i motori e i cambi ci sono in listino 24 proposte. I prezzi sono compresi tra i 31.990 euro della GLA 200 Cdi Premium e i 46.058 euro della GLA 220 Cdi Automatic 4Matic Premium. Ciascun allestimento con contenuti che giustificano ampiamente il prezzo.

NO COMMENTS

Leave a Reply