Cherasco – Il motore è il 1.6 Gdi a iniezione diretta di benzina. Da questa base Kia Italia in collaborazione con gli specialisti di Brc Gas Equipment ha sviluppato un propulsore che propone la soluzione avanzata dell’iniezione diretta di gas, in gergo tecnico Lpg direct injection. Le modifiche hanno interessato l’impianto di alimentazione anche se non è stato modificato lo schema degli iniettori in camera di combustione sicché il Gpl è iniettato direttamente in ciascun cilindro dai singoli iniettori allo stato liquido, proprio come avviene per la benzina. I vantaggi sono innanzitutto la possibilità di mettere in moto direttamente a Gpl, la riduzione di emissioni di particolato, di CO2 e, a freddo, di HC e CO, eliminazione di emissione di residui di gas allo scarico.
E’ questa la vera novità proposta sullo Sportage, il mitico crossover di Kia sul mercato italiano dal 1994 sin dalla prima generazione ed all’inizio unico modello di una gamma che anno dopo anno si è incrementata fino ad arrivare oggi a contare nove modelli, Sportage compreso (Pìcanto, Rio, cee’d berlina, cee’d station, Venga, Soul, Carens, Sportage e Sorento). Dall’inizio sotto la guida di Giuseppe Bitti. Che, considerato come vengono cambiati gli uomini di vertice dei vari brand, è dimostrativo di una valenza manageriale unica in Italia, e non solo.
All Sportage terza generazione (anno d’arrivo il 2010) a parte il trapianto di cuore sono state apportate alcune modifiche di puro facelifting che hanno interessato la griglia con struttura tridimensionale a nido d’ape; l’inserimento di luci posteriori a Led (di serie sulla versione Class),  di cerchi in lega da 17 o 18 pollici e la nuova antenna shark fin; all’interno impiego di materiali soft-touch per rivestire la plancia e le parti superiori dei pannelli porta; debutto della selleria in pelle chiara nella versione top di gamma.
Il “tocco” di tecnologia si evidenzia nel cruscotto, disponibile a seconda delle versioni, “supervision cluster” che comprende il display Tft 4,2 pollici, lo schermo Lcd a colori a 4,3 pollici touchscreen (con tutte le funzioni del Kia media box e come display per la telecamera posteriore). La descrizione del corredo tecnologico non può non riguardare anche il sistema audio Infinity con 2 tweeter, 4 midrange e 1 subwoofer, ma anche il nuovo parabrezza isolante con struttura a sandwich nel quale una pellicola antivibrazioni è inserita fra gli strati di vetro per isolare l’abitacolo e ridurre la rumorosità aerodinamica. Nell’area sicurezza la lista comprende Abs, Ebd, Bas Tcs, Esp, Hac; airbag frontali, anteriori e posteriori a tendina, laterali anteriori
Il motore 1.6 Gpl a iniezione diretta, abbinato al cambio manuale a 6 velocità, equipaggia i tre allestimenti che caratterizzano gli altri della gamma Sportage con motore 1.6 Gdi e 1.7 Crdi diesel: Active, Cool e Class con prezzi rispettivamente di euro 22.750, 24.250 e 25.750. Per tutti il fiore all’occhiello sono in 7 anni di garanzia, esclusiva Kia.
L’occasione ha consentito a Kia di presentare anche le novità che riguardano l’intera gamma 2014 dello Sportage che è stata pensata per dare al crossover di attinger a target di clienti diversi. Questa filosofia di pensiero ha suggerito l’architettura di due gamme con “vocazioni differenti”. Una con la trazione 2WD che riguarda le versioni Active, Cool e Class con le unità motrici 1.6 Gdi benzina, 1.7 Crdi e il nuovo 1.6 Eco Gpl; l’altra con la trazione integrale AWD a controllo elettronico etichettata Rebel con allestimenti Pure, Feel e R Rebel per le quali è riservato il motore 2.0 Crdi diesel con 136 o 184 cv e la possibilità di avere il cambio automatico a 6 marce. I prezzi della gamma Rebel sono: Pure 2.0 Crdi 136 cv euro 27.250; Feel  2.0 Crdi 136 cv 30.250, Feel  2.0 Crdi 184 cv 30.750; R Rebel 2.0 Crdi 184 cv 36.250.

Su strade statali e provinciali attorno allo stabilimento della Brc a Cherasco, con attraversamenti di centri urbani, abbiamo guidato la Kia Sportage 1.6 EcoGpl in allestimento Class. La pagella con i voti è pubblicata sotto.

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.