Los Angeles, Mercedes AMG, le auto in smoking. L’atelier High Performance della Mercedes Benz, propone da 40 anni modelli da culto, fatti su misura per quanti amano le prestazioni sportive ed esasperate. Dal 1967 un pieno di raffinatezza stilistica e di abitacoli ricchi di sofisticati materiali, roba per intenditori. Auto super per clienti esigenti, miliardari, autentici Paperon de Paperoni per dirla alla Walt Disney, moltissimi dei quali sono facoltosi americani. La DaimlerChrysler ha scelto la California, per ricordare l’avvenimento dell’AMG per evidenziare i successi commerciali negli States che, in un mercato Usa di Aprile in forte calo (-7,6%), ha visto brillare la Stella con un +6,4% (20.895 immatricolazioni), totalizzando nel primo quadrimestre 2007 un eloquente +6% (76.800 unità), con General Motors e Ford in difficoltà, a differenza di Chrysler che è risorta, sempre in Aprile con un +10%. La casa tedesca, comunque, nell’occhio della cronaca vip, qui, con l’hit parade «Mercedes Benz Fall 2007 Fashion» che ha visto ospiti illustri, nei giorni scorsi, dall’affascinante Demi Moore a Janice Dickinson, da Rebecca Gayheart a Kate Walsh. Due novità maiuscole. La coupè veloce due posti CLK AMG 63 Black Series (prezzo 130.000 euro, disponibilità in Giugno), autentico omaggio all’automobilismo sportivo. E’ispirata alla Safety Car ufficiale di Formula 1 con grandi feritoie di ventilazione e prese d’aria laterali in carbonio, spoiler posteriore con alette a diffusore e la coupè CL 65 AMG, nuovo modello di punta da 210.000 euro (proposta anche in edizione limitata a 40 esemplari e battezzata «40th Anniversary» con la vernice Alubeam che vivacizza la carrozzeria con un intenso gioco di riflessi: viene richiesta direttamente in fabbrica, prezzo top secret). La prima sfoggia il V8 da 6,2 litri, 507 cv ed è ricca di sosfisticati sistemi di raffreddamento che garantiscono la massima resistenza anche in condizioni d’impiego intensivo. Trasmissione, telaio e freni non sono da meno: il cambio AMG Speedshift 7G-Tronic assicura agilità in tutte le fasce di regimi. Pneumatici da 265/30R19 (davanti) e 285/30R19 (dietro), cerchi da 19″. L’altra è una saetta, spinta dal V12 biturbo da 6 litri, 612 cv, da 0 a 100 in 4,4″. Dapprima al volante della coupè CLK 63 AMG Black Series, rispettando i severi limiti di velocità (55-70 miglia sulla autostrada 210 in direzione di San Fernando e Santa Clarita), abbiamo apprezzato il comfort di marcia, poi dalla Green Valley, costeggiando laghi e colline, su un tracciato sinuoso e solitario abbiamo impegnato a fondo la vettura rimanendo impressionati dagli spunti del motore e dalla tenuta di strada, con una trasmissione stile F1 con le levette sul volante e con delle gomme Pirelli PZero maiuscole. Qualche giro di pista all’interno di un mini autodromo (Raceway Willow Springs) ha evidenziato il notevole lavoro del telaio ed il felice assetto. Il rientro a Los Angeles con la Classe S-AMG, altro divertimento con sosta in un bar chiamato Ca-Vi (iniziali di Cava dei Tirreni e Villasimius). Il proprietario è un italiano di Cava dei Tirreni in società con un sardo che fa panini gustosi fatti con lo stesso impasto della pizza napoletana. Una leccornia. La pagella di Automotonews per la CLK AMG 63 Black Series. Design 9 ergonomia 8 posto guida 9 plancia e comandi 9 strumentazione 8,5 climatizzazione 9 visibilità 8 finitura 9,5 equipaggiamento 9 abitabilità 8 comfort 9 bagagliaio 8 motore 9,5 accelerazione 9,5 ripresa 9,5 cambio 9,5 sterzo 9 freni 9 tenuta di strada 9,5 stabilità 8,5 sicurezza attiva e passiva 9 consumo 7,5

NO COMMENTS

Leave a Reply