L'edizione speciale della Q70L ha un passo allungato di 150 mm ed è equipaggiata con quattro sedili avvolgenti in ricca pelle trapuntata bianca, un accorgimento estetico che avvicina molto questo modello di produzione agli interni delle concept car Infiniti.

Q70L Bespoke Edition, la berlina a passo lungo di Infiniti per la Cina

Infiniti ha svelato la Q70L Bespoke Edition al Salone dell’Auto di Shanghai 2015, l’edizione speciale della versione da produzione Q70L pensata per il mercato cinese con un passo allungato di 150 mm ed equipaggiata con quattro sedili avvolgenti in ricca pelle trapuntata bianca, un accorgimento estetico che avvicina molto questo modello di produzione agli interni lussureggianti delle concept di Infiniti.

Accanto alla Q70L che diventa modello in produzione, al Salone di Shangai hanno fatto il loro debutto asiatico anche due concept già visti in precedenti Saloni automobilistici: la Q80 Inspiration e la Q60 Concept.

La quattro porte Q80 Inspiration è progettata per scuotere lo status quo tra le grandi berline premium con il suo stile anti convenzionale e le proporzioni audaci, mentre la Q60 Concept è un coraggioso precursore di una coupé sportiva premium che sarà prodotta nel 2016.

“Il nostro crescente portafoglio prodotti continua ad essere ispirato dal linguaggio del design, mentre Infiniti rafforza ulteriormente la propria presenza distintiva nel mondo premium”, Roland Krueger, presidente Infiniti Motor Company.

Le vendite mondiali di Infiniti, infatti, sono cresciute del 13,5% nel 2014, con 186.200 veicoli venduti. Nel primo trimestre di quest’anno, la Casa ha registrato il suo miglior risultato di vendita di sempre a livello mondiale con 52.000 vetture vendute, pari a un aumento del 12%. Sempre nel primo trimestre, le vendite in Cina, mercato dall’importanza crescente soprattutto per Infiniti, sono cresciute del 28,3%.

L’espansione del brand non passa però solo dalla Cina. Grazie ai recenti investimenti, infatti, nei prossimi cinque anni Infiniti allargherà la sua impronta produttiva a cinque nazioni in tre continenti e la sua rete distributiva dagli attuali 490 Centri dislocati a livello mondiale aumenterà di un terzo entro la fine del 2016.

NO COMMENTS

Leave a Reply