Chevrolet e Opel. Gruppo General Motors. Il colosso di Detroit è stato coinvolto in un maxirichiamo di 2,6 milioni di auto ed è stato portato negli Usa davanti al Dipartimento di Giustizia. Uno scandalo con risarcimento danni che è costato caro (leggi la "nota del direttore", ndr). In Italia le Chevrolet Cruze e Orlando vengono richi-amate per sostituire un pezzo. Si tratta del semiasse anteriore destro (a sezione cava) può rompersi. Il richiamo viene fatto su 371 esemplari del 2013.
Per quanto riguarda la Opel GT vengono richiamati 156 unità prodotte nel2007 sulle quali il difetto consiste nella debolezza della molla del cilindretto che sta nel blocchetto di accensione che, se sollecitato con ciondoli o mazzo di chiavi, può spegnere il veicolo in marcia disattivando servosterzo, servofreno e airbag.