L'Assemblea dei delegati dei Club federati Asi ha eletto Roberto Loi per il sesto mandato consecutivo. Maggiori rapporti con il Governo e maggior chiarezza sui veicoli storici per Asi e Fmi due dei temi che si porteranno avanti.

Roberto Loi riconfermato alla Presidenza dell’Asi fino al 2019

Sabato scorso a Torino si è riunita l’Assemblea dei delegati dei Club federati Asi per eleggere il nuovo rappresentante legale e gli altri 12 membri del Consiglio federale. Roberto Loi, eletto per il sesto mandato consecutivo, resterà in carica fino al 2019.

Il 73% degli aventi diritto hanno, infatti, votato a favore dell’operato del presidente dimostrandosi soddisfatti del lavoro svolto. In particolar modo, l’ultimo semestre è stato il più turbolento: l’Asi ha dovuto gestire la questione della Legge di Stabilità proposta dal Governo Renzi.

Su quattro tematiche si concentrerà il lavoro del prossimo mandato: sensibilizzare il Governo circa il fallimento dell’abrogazione dei commi 2 e 3 dell’Art. 63, Legge 342/2000, per ottenere il riesame della materia concernente le tasse automobilistiche relative ai veicoli storici; seguire l’iter del Codice della Strada per ottenere la conferma dell’incarico certificativo dei  veicoli storici per Asi e Fmi; portare avanti le attività culturali, con particolare riferimento alle iniziative museali e alle manifestazioni nazionali di maggior pregio; consolidare il rapporto con il Ministero dei Beni Culturali e del Turismo.

Il nuovo Consiglio sarà formato da Ugo Amodeo, Ariel Atzori, Giuseppe Cannella, Renzo Cardini, Arcangelo Conserva, Giuseppe Di Mauro, Francesca Grimaldi, Angelo Melis, Alfredo Liberati, Domenico Paterlini, Pietro Piacquadio, Alberto Scuro.

NO COMMENTS

Leave a Reply