Per la prima volta dal debutto nel 1982 della versione GTD arriva la versione GTD Variant. Altra novità per Golf: il benzina TSI BlueMotion che si affianca alle BlueMotion TDI e TGI.

media-Golf GTD Variant_DB2015AU00032

Sono passati 33 anni da quando la prima Golf GTD è stata lanciata sul mercato. Come poche altre, la GTD coniuga prestazioni da sportiva a consumi da city car. Per la prima volta dal debutto nel 1982, al Salone di Ginevra 2015 Volkswagen ha presentato la versione Variant.

La dinamica station wagon è alimentata da un TDI 2.0 184 cv con cambio manuale a 6 marce, ma è disponibile anche un cambio automatico a doppia frizione DSG che porta i consumi secondo quanto dichiarato da Volkswagen a 4,8 l/100 km con emissioni di CO2 pari a 125 g/km.

La Golf GTD Variant è dotata di serie di sistema start/stop e di recupero dell’energia che sfrutta le fasi di rilascio per caricare la batteria. Lo speciale temperamento dinamico è anche frutto di dotazioni di serie quali differenziale elettronico a bloccaggio trasversale XDS+, ESC Sport, sterzo progressivo diretto, telaio sportivo ribassato di 15 mm e cerchi da 17 pollici con pneumatici 225.

Oltre che per dinamica, la nuova Golf GTD Variant brilla anche per versatilità, forte di 605 litri di volume di carico che possono diventare 1.620 litri. Guidatore e passeggero anteriore si accomodano sui sedili sportivi nel tipico tessuto quadrettato, sulla GTD (e sulla GTI) ribattezzato Clark.

Dal punto di vista estetico, la Golf GTD Variant punta su un mix di tonalità di nero, grigio e bianco abbinate a inserti cromati, ma a richiesta possono essere ordinati anche rivestimenti in pelle. Pedaliera e poggiapiede in acciaio inox spazzolato e volante sportivo a tre razze rivestito in pelle e appiattito nella parte inferiore testimoniano il fascino sportivo a bordo della Golf GTD Variant, dotata di serie anche del sistema di riconoscimento della stanchezza del guidatore e frenata anti collisione multipla.

media-Golf GTD Variant_DB2015AU00031

GOLF TSI BLUEMOTION
Un’altra prima al Salone di Ginevra 2015 per Volkswagen e per Golf è la versione benzina TSI BlueMotion che si affianca alle Golf BlueMotion TDI e TGI. Il nuovo modello vanta una motorizzazione turbo a iniezione diretta, un tre cilindri 1.0 da 115 cv in combinazione con il cambio manuale a 6 rapporti o con il cambio a doppia frizione DSG a 7 rapporti.

Grazie alle numerose modifiche introdotte la Golf TSI BlueMotion, disponibile nelle versioni Trendline e Comfortline, raggiunge l’ottimo coefficiente cx di 0,28. I perfezionamenti si devono, tra l’altro, all’abbassamento di 15 mm della carrozzeria, alla calandra con aperture ridotte al minimo (con logo BlueMotion integrato), alla presa d’aria parzialmente chiusa sul paraurti, all’ottimizzazione del percorso dell’aria di raffreddamento e a speciali protezioni sottoscocca.

NO COMMENTS

Leave a Reply