Volkswagen arricchisce la propria gamma con una gran turismo dal forte impatto. La nuova Arteon, al suo debutto a Ginevra, ha infatti un posizionamento superiore rispetto alla Passat, ma è ancora un gradino più basso rispetto alla Phideon (modello specifico solo per la Cina). Realizzata sulla base del pianale modulare trasversale MQB, la Arteon ha un lungo passo di 2.841 mm, una lunghezza di 4.862 mm, larghezza di 1.871 mm e altezza di 1.427 mm.

L’avvio delle vendite è previsto per l’estate, a iniziare dal mercato interno tedesco a giugno; stessa tempistica anche per l’Italia.

u41a0537

Tra i punti di forza che distinguono la Arteon rispetto alle altre vetture del segmento c’è sicuramente la capacità del bagagliaio, da 563 fino a 1.557 litri. Sotto l’aspetto tecnico, invece, la nuova Volkswagen si mette in luce proponendo trazione anteriore o integrale, ed elementi di visualizzazione e comando digitalizzati, tra cui l’Active Info Display (strumentazione completamente digitale e programmabile), head-up display e nuovo sistema di infotainment Discover Pro con schermo in vetro da 9,2″ e comandi gestuali.

Tra i sistemi di assistenza e comfort ci sono la regolazione automatica della distanza ACC, che prende ora in considerazione anche i limiti di velocità relativi al percorso adeguando automaticamente la velocità, e l’Emergency Assist di seconda generazione, che in caso di necessità oltre a frenare la vettura provvede anche a sterzare dirigendosi verso la corsia più a destra (a condizione che i veicoli che seguono lo consentano).

Oltre alla versione di accesso di alto livello (che però non è prevista in Italia), la Volkswagen Arteon viene proposta nelle due linee di allestimento Elegance ed R-Line. I motori benzina TSI da 150, 190 e 280 cv non saranno disponibili in Italia, dove la gamma sarà composta solo dai turbodiesel TDI 150 e 190 cv e dal biturbo 240 cv. Di serie c’è il cambio automatico a doppia frizione DSG.