La Nuova Discovery svelata su una struttura Lego entrata nel Guinness dei Primati (qui il video) è una delle principali novità del Salone di Parigi 2016, un bel salto in avanti per il più versatile Suv di casa Land Rover. Il design dà un aspetto dinamico, con superfici sofisticate e dettagli curatissimi, mentre gli interni sono stati pensati per accogliere sette adulti in meno di 5 metri di lunghezza (4.970 mm, per la precisione).

L’abitacolo prosegue la rivoluzione stilistica iniziata da Land Rover con la Discovery Sport e quindi anche qui abbondano i materiali premium, inclusi rivestimenti in lussuosa pelle Windsor e finiture in quercia naturale. Altrettanta attenzione è stata dedicata alla progettazione del vano bagagli, con una capacità di carico massima di 2.500 litri o fino a 1.231 litri dietro la seconda fila di sedili, mentre il nuovo Powered Inner Tailgate a doppio uso garantisce tutta la versatilità che ci sia aspetta dalla Discovery.

In posizione rialzata, il pannello ribaltabile posto al margine del vano di carico funziona come ritenzione del bagaglio, ma quando viene abbassato la sezione a sbalzo da 285 mm diventa una comoda seduta per cambiarsi le scarpe infangate al riparo del nuovo portellone in un unico pezzo.

La Nuova Land Rover Discovery sarà in consegna nella primavera 2017 con prezzi a partire da 52.700 euro.

DNA LAND ROVER
Pensata per essere sempre più comoda e confortevole per la famiglia, la Nuova Discovery non perde comunque la famosa capacità all-terrain di Land Rover. L’altezza dal suolo che raggiunge i 283 mm (+43 mm) e la profondità massima di guado di 900 mm (+200 mm) rendono la Discovery una vettura votata all’offroad.

Per i meno esperti del fuoristrada, il sistema multimodale Terrain Response 2 ottimizza tutta una gamma di regolazioni, dalla risposta dell’acceleratore alle caratteristiche dei cambi di marcia, per adattarsi alle condizioni del terreno e se si è indecisi sulla scelta può perfino selezionare automaticamente le tarature ottimali.

CONNESSA AI TEMPI MODERNI
La Nuova Discovery presenta in prima mondiale la tecnologia Intelligent Seat Fold, che permette di riconfigurare la seconda e terza fila di sedili utilizzando i comandi nella parte posteriore del veicolo, il touchscreen centrale o addirittura a distanza con un’app per smartphone. Un test molto, molto particolare di questa tecnologia è stato fatto dal mitico Bear Grylls.

L’accesso allo spazioso abitacolo della Nuova Discovery è reso ancor più facile da un’altra intelligente innovazione Land Rover, l’Auto Access Height, una che funzione riduce l’altezza dell’auto fino a 40 mm quando i passeggeri si apprestano a salire o scendere.

A dominare la plancia c’è il sistema di infotainment InControl Touch Pro dotato di touchscreen da 10″, che acquisisce ora un aspetto più pulito e agevole grazie alla riduzione di un terzo degli interruttori fisici, con connettività per iOS e Android. A completare l’offerta hi-tech provvedono il sistema digitale surround Meridian con 14 altoparlanti, subwoofer e Wi-Fi 3G, fino a sei prese a 12 Volt e fino a 9 porte USB.

LA GAMMA MOTORI
La Nuova Discovery dispone di una gamma di propulsori tutti abbinati a una trasmissione automatica ZF a otto rapporti: diesel Td4 Ingenium quattro cilindri 2.0 da 180 cv (in Italia sarà disponibile a 3 mesi dal lancio), il più efficiente della gamma che dichiara consumi di 6 l/100 km; il quattro cilindri diesel Ingenium Sd4 2.0 da 240 cv e 500 Nm di coppia con consumi da 5,25 l/100 km; il diesel 6 cilindri Td6 3.0 da 249 cv e 600 Nm di coppia; e il benzina Si6 supercharged 3.0 da 340 cv con 450 Nm di coppia.

In vista del lancio c’è il modello “First Edition”, in tiratura limitata di soli 2.400 esemplari, con caratteristiche uniche che includono la mappa incisa sulle finiture in alluminio delle portiere e della plancia, distintivi esclusivi, un’audace gamma colori e un’ampia gamma di equipaggiamenti di serie.