Le famiglie con bambini sperimentano ogni giorno una gestione molto complessa della quotidianità. Soprattutto, secondo fonte Istat, i giovani papà e le giovani mamme tra i 25 e i 44 anni d’età. Questo stesso target ha anche un’elevata propensione a ricercare informazioni online, con una percentuale che raggiunge l’84,7% nella fascia d’età 25-34 anni. L’innovazione che semplifica la vita, quindi, diventa un aiuto prezioso nel prendersi cura dei propri bimbi.

È in questo scenario che nasce la partnership tra Samsung e Chicco, una collaborazione il cui frutto è BebèCare, il primo sistema che permette di rilevare i movimenti del bambino e di inviare una notifica allo smartphone dei genitori, sia durante gli spostamenti in auto sia a casa.

“La gestione della routine di tutti i giorni è sempre più una sfida per le famiglie e per questo abbiamo dato vita a questo progetto in cui crediamo molto. In Samsung crediamo che la cultura dell’innovazione debba guidarci verso progetti e tecnologie rivoluzionari, che abbiano un impatto positivo e diretto sulla vita quotidiana”.

Francesco Cordani, Head of Marcom di Samsung Electronics Italia.

Il sistema BebéCare si compone di due soluzioni: “out of home” e “in home”. La soluzione “out of home” consiste in sensori integrati nei seggiolini auto (modello Oasys 0+ e Around U) in grado di rilevare i movimenti del bambino e inviare notifiche agli smartphone dei genitori tramite l’apposita app. Nella soluzione “in home”, invece, i sensori BebéCare, collegati alla Samsung Gear 360, inviano notifiche ai genitori in caso di movimento o pianto del bambino nel lettino. BebèCare sarà disponibile sul mercato entro il 2018 con la soluzione “out of home”, successivamente anche con quella “in home”.