Seat, il Centro Tecnico di Martorell compie 40 anni

Divenuto realtà nel 1975 e concepito con l’obiettivo di garantire il progresso della Casa spagnola, di creare un’identità e uno stile unici e impiegare costantemente le tecnologie più avanzate per i propri modelli. Si estende su 200.000 mq e conta oltre 900 ingegneri e tecnici, numero destinato a toccare quota 1.000 entro la fine dell’anno.

SEAT (FILEminimizer)Quarantaquattro anni fa Seat decise di creare un Centro Tecnico, divenuto realtà nel 1975 e concepito con l’obiettivo di garantire il progresso della Casa di Martorell, di creare un’identità e uno stile unici e impiegare costantemente le tecnologie più avanzate per i propri modelli.

Quest’anno, il Centro Tecnico Seat celebra il 40mo anniversario. La sua nascita ha rappresentato una pietra miliare nella storia del costruttore, brand del Gruppo Volkswagen, e dell’industria automobilistica spagnola. Fin dall’inizio, il Cts ha plasmato il Dna Seat affermandosi come cuore pulsante del marchio di Martorell, attualmente primo investitore in ricerca e sviluppo in Spagna, con un investimento di 1,4 miliardi di Euro negli ultimi cinque anni. 40 anni di Ricerca e Sviluppo Il Cts occupava un’area di 130.000 mq, con una forza lavoro di 211 persone. Attualmente, si estende su 200.000 mq e conta oltre 900 ingegneri e tecnici, numero destinato a toccare quota 1.000 entro la fine dell’anno.

Nei 40 anni di storia, il Cts è cresciuto e si è progressivamente evoluto. Non sono stati ampliati solo gli spazi; la forza lavoro è quadruplicata e nelle aree circostanti sono sorti altri importanti centri e strutture, tra cui spicca lo stabilimento di Martorell che inaugurato nel 1993 è uno dei centri produttivi più moderni e sostenibili d’Europa, in grado di produrre 2.100 unità al giorno (443.000 nel 2014). Oggi, Seat vende i suoi modelli in 75 Paesi. Il Cts è responsabile della creazione delle vetture più iconiche del marchio, tra cui Leon, Ibiza, Toledo, Alhambra, Malaga, Marbella, Cordoba, Altea e Arosa.

Il Cts ha inoltre progettato concept car dallo stile futuristico o dalle dotazioni innovative rispetto ai modelli precedenti. Queste vetture costituiscono parte fondamentale della storia e patrimonio dell’industria dell’automobile in Spagna: dalla prima Ibiza Cabrio (1986) e i successivi Proto TL e Proto C (1990) alla 20V20 (2015), passando per modelli come Marbella Playa (1991), Concept T (1992), Concept T Cabrio (1993), Cordoba Cabrio (1996), Bolero (1998), Formula (1999), Salsa (2000), Salsa Emocion (2000), Tango (2001), Cupra GT (2003), Leon Prototipo (2005), Ibiza Vaillante (2006), Altea Freetrack (2007), Tribu (2007), Bocanegra (2008), IBZ (2009), IBE (2010), IBX (2011), IBL (2011), Toledo Concept (2012) e Ibiza Cupster (2014).

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.