Il contest online dà tempo a tutti i giovani producer, fino al 27 marzo, di creare un brano ispirato al tema “Se Barcellona fosse una musica...” e creare il nuovo sound che accompagnerà tutto gli spot Seat dal 2017. Il vincitore volerà a Los Angeles per incidere il jingle.

Seat Musicathon, inventa tu il nuovo “sound logo” per gli spot Seat

Al Salone di Ginevra che si è da poco concluso Seat ha mostrato il suo nuovo corso con la presentazione ufficiale di Ateca. Il primo Suv della casa spagnola segna l’inizio di un periodo di rinnovamento e rilancio di immagine, che si consolida ora ancora di più con un’iniziativa musicale supportata da Dj Albertino: trovare un giovane talento musicale che realizzerà il nuovo sound logo che dal prossimo anno accompagnerà la comparsa del logo Seat al termine di ogni spot.

Il contest si chiama Seat Musicathon e riproponendo il format dell’hackathon che lo scorso anno ha portato alla nascita del Museo digitale della Casa di Martorell dà tempo a tutti i giovani producer, fino al 27 marzo, di caricare sul sito seat-italia.it/musicathon un brano mp3 ispirato al tema “Se Barcellona fosse una musica…”.

“Il progetto mi ha entusiasmato da subito, soprattutto perché sono convinto che oggi, in ambito musicale, l’aspetto della produzione sia quello più dinamico. Non vedo l’ora di ascoltare i pezzi e aiutare Seat a scegliere i migliori”, Dj Albertino.

Il contest online prevede una prima fase di selezione a livello nazionale. Tra i migliori producer italiani verranno selezionati i candidati che passeranno alla finale, che si terrà a Berlino a inizio maggio. In quell’occasione, e per due giorni, i candidati provenienti da Italia, Spagna, UK, Francia, Germania e Messico si sfideranno per la vittoria.

Oltre a un viaggio a Barcellona, per conoscere la città e lo stabilimento Seat, i vincitori del Seat Musicathon voleranno a Los Angeles per partecipare all’incisione del jingle che dal 2017 accompagnerà musicalmente la comparsa del logo Seat nel codino finale di ogni spot.

NO COMMENTS

Leave a Reply