Rüsselsheim – Opel ha elaborato un sistema rivoluzionario di illuminazione anteriore adattabile (adaptive forward lighting, Afl), i fari intelligenti a matrice. La nuova tecnologia renderà la guida notturna ancora più sicura e rilassante e comoda. I fari a matrice, i cui prototipi sono in fase di test, costituiscono un passo fondamentale nella filosofia Opel dell’illuminazione esterna.
Finora il sistema Afl di Opel si è basato sul movimento di parti meccaniche. La funzione di illuminazione dinamica delle curve è caratterizzata dal movimento dei fari anteriori che proiettano il fascio luminoso a un angolo di +/- 15 gradi e che sono in grado di illuminare le curve fino al 90 per cento. La seconda funzione principale, la “cornering light”, garantisce un angolo di illuminazione molto ampio per gli incroci o le curve strette con l’aiuto di un riflettore aggiuntivo che consente a chi guida di guardare nella direzione verso cui intende girare.
Il nuovo faro a matrice offre tutti i vantaggi in termini di sicurezza e confort dell’illuminazione delle curve o degli angoli della strada senza avere alcun elemento meccanico in movimento. Opera invece automaticamente con fari che dispongono esclusivamente di luci a Led, che si accendono o si spengono secondo numerose combinazioni diverse, a seconda della situazione.
I fari a matrice operano insieme all’Opel Eye, la telecamera anteriore che si trova tra il parabrezza e lo specchietto retrovisore. Quando i sensori dell’Opel Eye rilevano fonti luminose provenienti dal traffico che precede o che procede in direzione opposta elaborano dei segnali che vengono inviati ai fari a matrice di Led. I fari abbaglianti sul lato del traffico proveniente dalla direzione opposta o che precede vengono automaticamente ridotti, mentre i fari sull’altro lato restano accesi. A seconda della situazione, la riduzione dell’intensità può essere diversa, garantendo così l’assenza di fastidi per gli altri utenti della strada, assicurando al contempo la visibilità di eventuali altri ostacoli non illuminati.
Invece che utilizzare gli anabbaglianti come impostazione standard, nei nuovi fari a matrice la modalità standard è sempre il faro abbagliante. Grazie a questo nuovo approccio, il faro abbagliante non infastidisce mai gli altri utenti e viene adattato automaticamente in base alla situazione del traffico. In questo senso, la luce a matrice assiste chi guida in modo intelligente, offrendogli una esperienza di guida rilassata, mantenendo contemporaneamente il massimo livello di sicurezza possibile. La regolazione del faro è più rapida rispetto a qualsiasi altra soluzione che si affidi al guidatore o consti di elementi meccanici in movimento.
<<La sicurezza attiva è un punto focale della strategia ingegneristica di Opel –  ha dichiarato Rita Forst, vice presidente engineering di Opel – Siamo stati i primi costruttori a portare sul mercato gli Afl, la combinazione di fari dinamici allo xeno per le curve e fari statici per affrontare le svolte, nel 2002. Opel è ora pronta a rivoluzionare ancora una volta la guida notturna con i fari a matrice intelligenti, il sistema di illuminazione automobilistica più avanzato nel mondo>>.
I fari a matrice utilizzano un sistema che contiene solo elementi a Led e garantisce vantaggi significativi. Per esempio, il nuovo sistema presenta un consumo energetico minore rispetto ai tradizionali proiettori Hid alogeni, con un consumo pari all’incirca a solo la metà dell’energia utilizzata dai fari alogeni. I profili dei fari a Led sono inoltre più luminosi rispetto al sistema Hid.
Ognuno dei due fari a matrice di Led è composto da quattro proiettori individuali. Alle spalle di ciascuna lente si trovano quattro sorgenti luminose separate che possono essere attivate o disattivate singolarmente, producendo sedici possibili combinazioni Afl per ciascun faro. Quindi in totale una vettura dotata dei fari intelligenti a matrice Opel sarà in grado di generare 16 x 16 diverse impostazioni luminose, ossia 256 in totale. I passaggi da un’impostazione all’altra sono fluidi e avvengono senza che chi guida se ne accorga.
I tecnici Opel hanno elaborato una soluzione unica nel settore automobilistico per evidenziare ulteriormente il tipico design ad ala del marchio che si trova anche nei fari. A oggi, solo le luci per la marcia diurna riproducono il tipico profilo ad ala di Opel. Ora invece la forma ad ala compare anche in modalità anabbagliante di notte, un risultato ottenuto unendo due funzioni: le luci per la marcia diurna e gli anabbaglianti con una fila condivisa di sette elementi luminosi. Nessun altro costruttore automobilistico ha sviluppato una simile innovazione tecnologica.
Il nuovo sistema di fari a matrice verrà montato su tutti i modelli Opel, come avvenne nel 2002 quando Opel divenne la prima casa automobilistica a portare sul mercato un sistema di illuminazione anteriore avanzato. Il sistema Afl più recente, lo Afl+, lanciato nel 2008, comprende nove funzioni, tra cui town light per i percorsi urbani, pedestrian light per le aree residenziali a traffico limitato, country road light per le strade extraurbane e adverse weather light specifica per condizioni di pioggia, ed è disponibile sulla maggioranza dei modelli Opel.
L’importanza di un’ottima visibilità nel traffico stradale è confermata dalle statistiche sugli incidenti: pur in presenza di circa il 33 per cento di traffico in meno sulle strade di notte, il numero di incidenti stradali mortali che avvengono dopo il tramonto o nell’oscurità è il doppio rispetto al giorno. Secondo alcuni studi, la maggiore luminosità dei fari allo xeno è in grado di prevenire gli incidenti, e i fari a Led possono migliorare ulteriormente le statistiche relative agli incidenti. (ore 10:00)