Rüsselsheim – Le schede di soccorso delle vetture si rivelano particolarmente utili per i soccorritori, che possono trarre informazioni precise su ogni singola vettura sulla quale si trovano ad operare, in quanto le schede riproducono fedelmente la struttura del veicolo e la locazione dei suoi sistemi di sicurezza.
Opel ha aumentato il numero delle proprie schede di soccorso online, che ora comprendono 70 modelli diversi dal 1991 a oggi. Gli ultimi ad essere stati aggiunti sono la Astra GTC, la Corsa Gpl, la versione passeggeri del nuovo Combo e Zafira Tourer. Nell’ambito di questo aggiornamento, sono state ampliate anche le schede Ampera che ora contengono i numeri telefonici per richiedere assistenza tecnica in 40 Paesi.
I dati internet, disponibili in 24 lingue, consentono alle squadre di soccorso di accedere rapidamente alle informazioni dal luogo di un incidente. Dal novembre 2010, Opel è stato il primo costruttore a offrire questo servizio in mobilità e gratuito per gli smartphone che ha finora registrato 220.000 visite internazionali.
Il vantaggio di questo sistema salvavita è la possibilità di accedere ai dati specifici del veicolo attraverso un comune smartphone direttamente dal luogo dell’incidente e consente alle squadre di soccorso di ottenere rapidamente informazioni accurate sulla posizione di componenti importanti e sulla struttura della carrozzeria dei veicolo.
Questo portale è utilizzato dai vigili del fuoco di tutta Europa, ma l’accesso è possibile anche dagli Usa. Grazie alla sua ottimizzazione integrata, il portale si adatta automaticamente a tutti i modelli standard di smartphone. La funzione zoom consente di vedere facilmente su uno schermo piccolo ogni parte dell’automobile o sezione della carrozzeria.
Il portale www.ifz-berlin.de, contenente i dati di soccorso e a cui è possibile accedere via pc, è stato reso ancora più facile da usare, e consente agli utenti di accedere istantaneamente a tutte le versioni di ogni modello mediante un menu. I file con i dati di soccorso possono anche essere scaricati in formato .pdf e stampati. (ore 16:30)