Milano – La stanchezza e i colpi di sonno al volante sono spesso causa di incidenti gravi. Tuttavia, è possibile rilevare i segni iniziali di affaticamento prima che si verifichi una situazione critica. Il sistema di rilevazione dell’affaticamento del guidatore di Bosch (Driver Drowsiness Detection) può farlo monitorando i movimenti dello sterzo e consigliando tempestivamente al guidatore di fare una sosta. Le informazioni necessarie sono fornite dal servosterzo elettrico o dal sensore dell’angolo di sterzata che fa parte del sistema antisbandamento Esp del veicolo. Questa funzione, che può pertanto essere installata a un costo ridotto, aiuta ad aumentare ulteriormente la sicurezza del guidatore.
La riduzione della concentrazione e l’affaticamento compromettono, infatti, il comportamento alla guida e la reattività del guidatore. Le capacità motorie si riducono e i comandi impartiti allo sterzo perdono di precisione. Il guidatore corregge i piccoli errori di sterzo con maggiore frequenza. La nuova funzione di rilevazione dell’affaticamento del guidatore è basata su un algoritmo che inizia a registrare il comportamento di sterzo del guidatore al momento dell’inizio del viaggio. Sulla base di questo riconosce i cambiamenti nel corso dei lunghi viaggi, e quindi anche il livello di affaticamento del guidatore. Tra i segni tipici del calo della concentrazione vi sono le fasi in cui il guidatore praticamente non sterza, combinate con movimenti dello sterzo minimi, ma rapidi e improvvisi, per tenere il veicolo in carreggiata. Sulla base della frequenza di questi movimenti e di altri parametri, tra i quali la lunghezza del viaggio, l’utilizzo degli indicatori di direzione e l’ora della giornata, il sistema calcola il livello di affaticamento del guidatore. Se tale livello supera un determinato valore, sul cruscotto inizia a lampeggiare un’icona (per esempio una tazzina di caffè) per allertare il guidatore che è necessario fare una sosta.
La funzione Driver Drowsiness Detection di Bosch si occupa di un importante aspetto delle condizioni del guidatore, contribuendo così a migliorare la sicurezza.
Numerosi studi dimostrano che la stanchezza è una delle principali cause per incidenti. Nel 2010, la American Automobile Association  ha pubblicato un’analisi basata sui dati degli incidenti raccolti dalla National Highway Traffic Safety Administration negli Stati Uniti. Dallo studio è emerso che nel 17% di tutti gli incidenti mortali verificatisi negli Stati Uniti, al volante del veicolo c’erano guidatori molto stanchi.
Il sistema Driver Drowsiness Detection di Bosch può equipaggiare sia le auto sia i veicoli commerciali leggeri. Questa tecnologia, ora  disponibile di serie per la nuova Passat Alltrack, è dal 2010 una dotazione standard nella nuova Volkswagen Passat. (ore 14:45)