Milano – Bosch ha messo a punto una serie di sistemi innovativi che contribuiscono ad aumentarne sicurezza, comfort e prestazioni. Proprio iniziando dalla sicurezza, nel pacchetto pre-sense, Bosch estende letteralmente i ‘sensi’ al veicolo, grazie al PEBS (Predictive Emergency Breaking System). Questo sistema, in anteprima per Audi, attiva le misure preventive di protezione e le conseguenti reazioni volte ad attenuare potenziali collisioni. Il PEBS fornisce un valido supporto ai conducenti in situazioni critiche e dove c’è il rischio di tamponamento da urto posteriore.  <<Circa l’80 per cento dei conducenti non schiaccia per niente il freno prima di un urto posteriore, o non usa l’intera capacità di frenata del veicolo>>, ha detto Werner Struth, presidente della divisione Chassis Systems Control di Bosch.
Prima di un possibile tamponamento, per esempio, il sistema attua una forte decelerazione al fine di ridurre l’impatto. Il sistema di controllo dei freni esercita un impercettibile aumento di pressione che avvicina le pastiglie dei freni ai dischi, fornendo un’immediata decelerazione e un successivo intervento di frenata. Se il guidatore non reagisce e il veicolo si avvicina, scatta un segnale acustico seguito da una parziale frenata automatica, attivata da un breve scatto sui dischi. Se il conducente continua a non reagire e non è più possibile impedire il tamponamento, il sistema frena automaticamente alla pressione massima, circa mezzo secondo prima dell’impatto.
Questa tecnologia si basa sull’integrazione fra l’ESP premium, i sensori radar LRR3 a lungo raggio e ACC (Adaptive Cruise Control), ai quali si aggiunge un sensore video.
– I due radar, installati sui due lati del paraurti anteriore, rilevano posizione e velocità di oggetti fino a 250 metri e con un angolo di apertura di circa 40°, fornendo dati precisi sulla posizione e sulla velocità delle persone, dei veicoli o dei segnali del traffico.
– La videocamera, posizionata dietro il parabrezza anteriore alla stessa altezza dello specchietto retrovisore, controlla il percorso stradale, catturando 25 immagini al secondo con una risoluzione senza precedenti per il settore automobilistico.
– La funzione ACC è stata potenziata. Con l’ausilio dei dati video, per esempio, il sistema reagisce più velocemente quando altre macchine deviano dalla loro traiettoria nella corsia anteriore e al momento del sorpasso di altri veicoli. Inoltre i segnali provenienti dalla videocamera Bosch vengono usati per il sistema di avviso di superamento involontario della linea di carreggiata e per il controllo automatico dei proiettori.
Gli ingegneri Bosch hanno lavorato molto sull’interazione dei sistemi, in modo da elaborare continuamente ciò che accade attorno alla vettura. Tra gli altri sistemi approntati da Bosch ci sono il gruppo strumenti con il suo ampio display a colori, da cui il conducente visualizza informazioni e viene allertato in caso di ostacolo, la Domain Control Unit, lo starter e il sistema tergicristalli. (ore 16:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply