Tokyo – È in pieno svolgimento il Tokyo Motor Show, 45esima edizione, appuntamento biennale. Dopo il passaggio di due tifoni e il plebiscito per Shinzo Abe, 63 anni, vincitore a larga maggioranza delle elezioni, c’è interesse del pubblico per questa esposizione che si svolge al centro congressi Big Sight, a Koto City, fino al 5 novembre. Oltre 4.500 i giornalisti accreditati.

Il tema di Jama (Japan Automobile Manufactures Association) è “Beyond the motor” (oltre il motore). Cambia e si diversifica il rapporto tra uomo e automobile, la tecnologia esterna al settore auto si integra sempre di più con quest’ultima, l’auto di domani non muoverà solo in senso fisico ma segnerà l’evoluzione anche della società. Un Salone che propone l’evoluzione in atto del concetto stesso di automobile. Se automazione, elettrificazione, intelligenza artificiale, robotica sono i temi attuali, qui nel Sol Levante il diesel è relegato dietro alla… lavagna. L’idrogeno, nonostante i numeri bassissimi nel globo, è invece una realtà fatta propria dal sistema Giappone sulla quale il governo si è impegnato e ha coinvolto i costruttori affinché entro il 2020 circolino 20.000 veicoli a celle a combustibile, 200.000 entro il 20240, ben 800.000 entro il 2030.

Nessun stupore se Toyota ha portato al Salone un bus a idrogeno, il Sora in produzione dal 2018. A soffiare sul vento del cambiamento Toyota ha lanciato una campagna istituzionale in cui si autodefinisce “più di un costruttore di automobili” e una “human movement company”. Anche Honda ha portato l’ammiraglia Clarity ad idrogeno, dimostrando che sullo stesso pianale è in grado di allestire una versione fuel cell, una elettrica e un’ibrida plug-in. Ecco tutte le novità dal Salone di Tokyo 2017.

1. TOYOTA E LEXUS

Leader indiscussa del mercato avendo chiuso i primi 8 mesi dell’anno con 1.083.680 vendite e una quota del 30,39% (+6,90%), Toyota ha alzato i veli sul concept Crown che anticipa la quindicesima generazione dell’ammiraglia. Il nuovo modello che nasce sulla piattaforma globale Tnga arriverà in Giappone nell’estate 2018 e da questo modello dovrebbe derivare la prossima Lexus GS. Poi ancora le concept GR HV Sports e la Tj Cruiser. Curiosità per l’anteprima mondiale della Fine-Comfort Ride Concept, studio di monovolume sei posti dal design futuristico con funzioni da guida autonoma: il prototipo a idrogeno promette di raggiungere 1.000 km di autonomia, meglio della Mirai che arriva a 650 km. Originale il sistema di apertura delle portiere, con quelle posteriori scorrevoli.

Anteprima per la nuova gamma del crossover C-HR, la cui principale novità sta nell’allestimento Trend che si aggiunge a Style e Lounge, prezzi da 23.400 euro o 275 euro al mese. Terza generazione per la Century e ancora evoluzione della Land Cruiser, Yaris Grmn, Aygo X-Cite Red Evolution e l’ibrida C-HR Hy-Power Concept.

Fra le curiosità, il gruppo Toyota presenta Flesby, il concept interamente in gomma progettato per la sicurezza dei pedoni, una sorta di maxi-airbag esterno, debutto nel 2030. Lexus accanto alla quinta generazione dell’ammiraglia LS (sul mercato europeo all’inizio del 2018), al coupè alto di gamma LC, alle compatte berlina CT Hybrid e crossover NX, ha alzato il velo sulla concept LS+.

2. NISSAN

L’obiettivo di Nissan è di vendere entro il 2022 ben 14 milioni di vetture, il 7% in più ogni anno a partire dal 2017. Il piano strategico prevede una maggiore integrazione tra Nissan, Renault e Mitsubishi ma esclude la fusione (leggi anche l’ingresso di Nissan in Formula E). Il presidente Ghosn lancia la sfida ai tedeschi. Tra cinque anni i tre partner condivideranno 22 motori: il 75% dei veicoli avrà propulsori identici. Appare strano apprendere che Renault/Nissan si dimostrino cauti sullo sviluppo dell’elettrico perché il consumatore non è ancora pronto.

Nissan tra i tredici veicoli in vetrina al Tokyo Motor Show 2017 propone una versione sportiva della elettrica Leaf: “Lo stile della nuova Leaf – ha detto Alfonso Baisa, capo del design della Leaf II – è molto più popolare rispetto alla versione uscente e il suo look sarà uno dei punti più attrattivi. Sì, è un’elettrica ma è molto più bassa, larga e in definitiva sportiva e compatibile con le alte prestazioni”.

Dopo il debutto al Salone di Dubai c’è anche la nuova Infiniti QX80, regina dei Suv del brand premium di Nissan. E a proposito, Nissan non ha perso tempo per dimostrare che è pronta per la guida autonoma. Sulle strade della capitale, infatti, si è svolto un test con una Infiniti Q50. Fra le concept LCV anche un veicolo paramedico e il van NV200 Fridge.

3. HONDA

Honda ha un piano ambizioso per convertire gran parte della sua gamma all’elettrico. Questo vuol dire che inizieranno ad arrivare sempre più ibride nella famiglia a partire dalla nuova CR-V. Nello stand il concept Sports EV, il prototipo della sportiva a zero emissioni attesa nel 2019 e che seguirà le orme della Urban Ev concept già ammirata a Francoforte e commercializzata nel 2019. Fra le altre sorprese i concept RoboCas e NeuV. E ancora Legend, Odyssey, S660, Clarity Phev, Nsx, Civic Hatchback, Civic sedan e Type R, Step Wgn, N-Box, la monoposto di F1 McLaren-Honda, la Dallara Dw 12 ed SF14. Ordini boom per la nuova minicar N-Box.

4. MAZDA

Mazda Kai Concept

Due le anteprime mondiali: la Kai anticipa la futura compatta e l’altra mette in mostra lo stile della nuova generazione dei modelli Mazda. Una rivela i prodotti della nuova generazione e l’altra prefigura la direzione del design di prossima generazione. In tema di tecnologia c’è il motore a benzina Skyactiv-X, che utilizza il sistema di accensione per compressione, abbinabile sia ai motori a benzina che diesel.

In vetrina anche il nuovo crossover CX-8, Suv a sette posti con aggiornamenti sul motore diesel Skyactiv-D 2.2 nonchè la versione speciale MX-5 Red Top con tetto rosso ciliegio scuro. Nello stand si potranno ammirare la Mazda2, le speciali edizioni di Noble Crimson, Mx-5, Mazda6 Atenza, Mazda3 Axela e la fragranza parigina per gli interni. “Noi ci impegniamo a tagli sostanziali delle emissioni di C02 – ha detto Masamichi Kogai, presidente e a.d. di Mazda – inoltre presenteremo tecnologie e il nuovo concept di design che definiranno la prossima generazione dei nostri modelli”.

5. SUZUKI E SUBARU

Subaru Viziv Performance Concept

Suzuki propone un fuoristrada elettrico con 4 motori e un aspetto futurista che eredita lo spirito delle sue sorelle Jimny e Vitara: si chiama e-Survivor concept. Come anteprima mondiale anche la gamma X-Bee, un mini Suv nelle versioni Standard, Outdoor Adventure e Street Adventure. E ancora le mini monovolume Specia che proporrà anche una versione Custom e il Tiger Ichi Open-Air Market, altra monovolume concepita come veicolo per il foodtruck. Qui tutte le novità Suzuki.

Subaru ha presentato tre concept car (Viziv Performance, berlina dall’aria sportiva, XV Fun Adventure per elevare al massimo le doti fuoristradistiche della crossover e la Future Sport basata sulla Impreza), due STI speciali solo per il mercato interno fra cui la Subaru WRX STI S208 e la BRZ STI in color Cool Grey Khaki, più la versione inedita Outback Smart Edition.

6. MITSUBISHI E DAIHATSU

Mitsubishi espone una concept, la e-Evolution che anticipa le forme di un futuro Suv con la propulsione elettrica e l’intelligenza artificiale. Previsti tre motori elettrici combinati in grado di garantire così la trazione integrale. Il marchio di Osaka, invece, celebra i 110 anni e l’ingresso nell’orbita Toyota con cinque concept che dimostrano la elevata modularità dei veicoli anche dietro la filosofia del “piccolo è bello”: sono il minivan DN U-Space, il microfurgone DN Pro Cargo, la baby crossover e il coupé taglia small. In vetrina anche Charade, Kopen.

7. MASERATI E LAMBORGHINI

Hanno dato forfait al Salone di Tokyo 2017 Ferrari, Fca, Volvo, Jaguar e Land Rover, per ricordarne alcuni. Ma Maserati e Lamborghini hanno giocato d’anticipo. I due gloriosi marchi italiani hanno polarizzato l’attenzione degli appassionati in modo diverso e in anteprima al Tokyo Motor Show.

Partiti dall’Italia a bordo di un B747 AirBridgeCargo ben 28 esemplari di GranTurismo e GranCabrio MY18 sono sbarcati all’aeroporto di Narita (il Tridente, però, nei giorni scorsi ha presentato la propria gamma a dei vip, gamma arrivata a Tokyo a bordo di un Jumbo-Cargo). Un evento studiato a puntino per essere ricordato da quei vip che erano stati invitati.

Anche il Toro ha giocato d’anticipo con un Lamborghini Day al Prince Hotel per festeggiare il 50esimo anniversario in Giappone, il secondo mercato mondiale della Casa: alla presenza del preside amministratore delegato Stefano Domenicali è stata svelata in anteprima asiatica la nuova Aventador S Roadster vista a Francoforte. Ne è trascorso di tempo da quando venne importato per la prima volta il modello 400GT.

La ricorrenza è stata festeggiata con la realizzazione di una serie limitata di cinque esemplari denominata Aventador S Roadster 50th Anniversary Japan, ognuno dei quali si ispira nei colori e nelle finiture a uno dei cinque elementi naturali della cultura nipponica (acqua, terra, fuoco, vento e cielo). La concept della versione ispirata all’acqua è stata sviluppata dal Dipartimento ad Personam insieme al Centro Stile Lamborghini. Si è svolta poi la seconda edizione del Lamborghini Day Concorso d’Elegance che ha visto trionfare come Best of Show la Countach LP 400 color arancio del 1976.

8. LE EUROPEE

Spiccano le presenze di Volvo, delle tedesche Audi, Bmw, Mercedes, Porsche, smart e Volkswagen, delle francesi Citroen, DS, Peugeot e Renault che hanno riproposto i temi di Francoforte. Ecco, quindi, la concept Vision Dynamics Bmw (il marchio di Monaco di Baviera studia 25 modelli elettrificati, prepara il supersuv X7 che consumerebbe 2 litri x 100 km) il concept Serie 8, la nuova Z4 e ancora M2, M4, M5, X3, X6 M e Serie 6 G.T.

Audi Aicon ipotizza un’automatica a ioni di litio, la A8 pronta per la guida autonoma, le due concept Arteon ed Elaine, il Suv Volkswagen T-Roc, il crossover elettrico I.D.Crozz, la terza generazione della Porsche Cayenne che aumenta nelle dimensioni.

Mercedes punta sulla mobilità sostenibile con il brand Eq e svela ancora  l’ibrida da 1.000 cv, cioè l’Amg Projet One derivata dalla F1 campione del mondo, poi fari accesi sul Suv GLC F-Cell a idrogeno. Il futuro smart cambia rotta: dal 2020 solo elettriche e la Vision fortwo con pedali e volante a scomparsa anticipa i tratti somatici delle smart di domani a guida completamente autonoma.

Citroen ha calato l’asso sui crossover da città con la C3 Aircross, DS cerca slancio con un grande sport utility. PSA ha lanciato il piano industriale “Push to Pass” con 14 nuovi modelli da oggi fino al 2021, con la promessa di lanciare ogni anno un nuovo modello per Regione. Esposte DS7 Crossback, 2008 sarà fra un anno la prima ibrida plug-in del Leone. L’obiettivo del Gruppo francese è quello di portare sul mercato 7 ibride-plug-in e 4 elettriche entro il 2023. La Peugeot 308 è stata da poco aggiornata.

9. LE ALTRE ASIATICHE

La coreana Hyundai espone, oltre ai suoi modelli elettrici, la Kona. In arrivo due varianti della famiglia i30, la sportiva N e il coupé 5 porte Fastback. Rinnovamento radicale per SsangYong Rexton, che si affida all’esperienza Mercedes. Kia scommette su Stonic (qui la nostra prova su strada in anteprima) ma anche su Sorento e sul concept Proceed. Fra i veicoli commerciali Hino, Isuzu, Mitsubishi Fuso, Ud trucks, Scania e Volvo Trucks. Fra le due ruote Honda, Kawasaki, Suzuki, Yamaha, Harley-Davidson, Bmw Motorrad e Brp.

SHARE
Vincenzo Bajardi
Giornalista professionista, ha mosso i primi passi nello storico giornale “L’Ora” di Palermo. Ha collaborato con La Sicilia, Autosprint, La Gazzetta dello Sport, il Guerin Sportivo. Per 28 anni responsabile pagina motori del Corriere dello Sport, ha scritto gli speciali auto di Repubblica e attualmente collabora con La Sicilia, La Gazzetta del Mezzogiorno, Sicilia Motori, Italpress e AutoMotoNews.