Terminato il conto alla rovescia sul sito dedicato, la nuova vettura si è mostrata in un video, con un crescendo che culmina col rombo del motore e un'esplosione musicale. La novità forse più interessante è il logo Alfa Romeo sulla monoposto voluto espressamente da Marchionne per rilanciare il brand.

Ferrari SF15-T f1 2015

Accompagnata dall’hashtag #RedRev2015 è stata mostrata oggi la nuova monoposto Ferrari per la stagione 2015. La SF15-T è la prima dopo la rivoluzione che ha portato all’addio di Montezemolo e Sergio Marchionne alla guida della Rossa, ed è la prima che sarà guidata da Sebastian Vettel.

Terminato il conto alla rovescia sul sito dedicato, la nuova vettura si è mostrata in un video, con un crescendo che culmina col rombo del motore e un’esplosione musicale.

“Le linee guida della nuova monoposto? Creare una vettura più competitiva del 2014, un anno per noi difficile. Per essere più competitivi servono più cavalli, più carico aerodinamico e una macchina in generale più guidabile. Abbiamo lavorato bene su tutte e tre le componenti e speriamo di averlo fatto bene. Abbiamo riprogettato l’anteriore, la sospensione e un po’ l’ala”, James Allison, direttore tecnico Scuderia Ferrari.

La SF15-T ha infatti il compito di far tornare il sorriso ai tifosi del Cavallino, che si aspettano di rivedere una Rossa nelle posizioni che contano. A tal proposito, si mostra subito ottimista Iceman.

“È sempre bella. Diversa da quella dello scorso anno, ma sembra essere una buona monoposto, anche se bisogna aspettare di scendere in pista per capire quanto sia valida. La prima impressione, comunque, è buona. La posizione in abitacolo sembra migliore dell’anno scorso. Solo dopo averla provata però capiremo cosa c’è da cambiare, per ora tutto sembra ok. Abbiamo imparato molto dalle difficoltà dello scorso anno, abbiamo capito molte cose e pensiamo di poter capovolgere la situazione come squadra, passo dopo passo”.

Molto curioso Sebastian Vettel, che comincia l’avventura in Ferrari dopo i 4 titoli vinti con la Red Bull:

“La vettura mi sembra bellissima.Vedere le cose quando prendono forma è sempre speciale. Non vedo l’ora di scendere in pista per vedere come si comporta. Sappiamo che non saremo subito al top, ma l’obiettivo è la vittoria, non siamo qui per arrivare secondi. C’è molto da imparare, con i test invernali si può prendere confidenza. Mi sto ambientando, passare tanto tempo nel team aiuta. Capisco abbastanza bene l’italiano, mi piace l’idea di tenere con me un piccolo vocabolario per parlarlo da solo”.

La novità forse più interessante della Ferrari SF15-T, però, non sta tanto nelle soluzioni tecniche, quanto in quello che c’è scritto sopra. Al posto della scritta Fiat che compariva fino allo scorso anno, adesso c’è il logo Alfa Romeo, posizionato nella parte terminale del cupolone.

Una novità voluta espressamente da Sergio Marchionne per rilanciare il marchio Alfa Romeo a livello internazionale. L’ultima volta che il nome Alfa Romeo era apparso su una vettura di F1 era stato nel 1987, con la sfortunata unione con la Ligier interrotta ancor prima che il campionato iniziasse. Per ritrovare il nome Alfa associato alla Ferrari, bisogna risalire invece addirittura agli Anni ‘30, quando Enzo Ferrari gestiva le vetture Alfa Romeo da competizione.

NO COMMENTS

Leave a Reply