Toyota al terzo posto nella classifica di “Fortune” delle aziende che cambiano il mondo

Alla vigilia del lancio in Europa di Mirai, la prima berlina a celle combustibile alimentata a idrogeno, Toyota si attesta come una delle principali aziende impegnate a migliorare la società e cambiare il mondo.

Mirai

La rivista americana Fortune ha stilato la classifica 2015 delle aziende mondiali che con il loro operato contribuiscono a migliorare la società e cambiare il mondo. Toyota, in questa speciale classifica, si attesta al terzo posto, a pochi giorni dall’inizio delle vendite in Europa di Mirai, la prima berlina Toyota alimentata a idrogeno.

Fortune ricorda come il brand abbia fatto da pioniere nel campo della sostenibilità ambientale lanciando, nel 1997 in Giappone e nel 2000 in Europa, la Prius, la prima full hybrid prodotta su larga scala pensata per la salvaguardia e il benessere dell’ambiente.

L’ibrido rappresenta la più recente rivoluzione tecnologica nel settore automotive e raccoglie un grande consenso tra i clienti di tutto il globo, con oltre 8 milioni di vetture vendute.

L’innovazione continua e la tecnologia in costante sviluppo rappresentano i punti di forza che anche Fortune riconosce come elementi fondamentali per il progresso e l’affermazione di Toyota. L’attività di ricerca e sviluppo nel campo della sostenibilità non si è mai arrestata e, nel tempo, si è diffusa arrivando a lanciare, prima in Giappone, poi negli Usa e a breve in Europa, Mirai (“futuro”), la prima berlina a celle combustibile alimentata a idrogeno che non emette nient’altro che vapore acqueo.

Sempre Fortune si interroga su come potrà essere sviluppata una rete di infrastrutture adeguata per la diffusione e la guida di Mirai. È questa la vera chiave di volta e per questo motivo, soprattutto in Italia, Toyota richiede l’impegno delle Istituzioni per lo sviluppo e l’utilizzo di una risorsa importante come l’idrogeno e per la costruzione di una rete infrastrutturale adeguata.

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.