infografica gamma ibrida toyota

Toyota ha raggiunto un traguardo importante. Al 30 aprile 2016 le vendite delle sue vetture ibride hanno raggiunto quota 9,014 milioni di unità, superando i 9 milioni a soli 9 mesi da quando era stato raggiunto il precedente traguardo degli 8 milioni.

Il successo a livello mondiale della gamma ibrida Toyota conferma anche il positivo e crescente andamento del mercato ibrido a livello europeo, che come dimostrano gli ultimi dati Anfia mostra una crescita del 29,7% con una quota del 42,2% (era del 36% nel 2015).

Anche l’Italia si dimostra in crescita, con un aumento delle vendite di ibride Toyota del 50,8% nel primo quadrimestre 2016, dato che porta a coprire oltre il 41% delle vendite complessive Toyota nel nostro Paese.

Ottimo risultato anche per Lexus, che con una gamma 100% ibrida raggiunge le 1.200 unità vendute, segnando un +19% rispetto allo scorso anno.

Toyota è impegnata da anni nella diffusione e “democratizzazione” dell’ibrido, convinta che questo tipo di vetture possa avere un ruolo fondamentale nella riduzione dell’inquinamento soltanto se utilizzate su larga scala.

Già dallo scorso anno Toyota ha reso disponibili nuovi modelli ibridi negli USA e in Cina, ha avviato la commercializzazione della quarta generazione dell’iconica Prius e la versione ibrida del RAV4, per un totale di 33 differenti modelli ibridi e uno plug-in in 90 diversi mercati del mondo.

La strategia di ampliamento esponenziale della gamma ibrida, per raggiungere i 15 milioni di unità vendute in totale entro il 2020, risponde all’obiettivo fissato dal Toyota Environmental Challenge 2050 volto a minimizzare l’impatto ambientale delle auto.

Per capire davvero cosa rappresentino 9 milioni di veicoli ibridi in termini di impatto ambientale, Toyota ha calcolato che i propri veicoli hanno contribuito a produrre approssimativamente 67 milioni di tonnellate di CO2 in meno rispetto a veicoli di dimensioni e performance equivalenti.

Per quanto riguarda il consumo di carburante, Toyota ha stimato invece un risparmio di circa 25 miliardi di litri carburante.