Il nostro giro del mondo in 19 gran premi di formula 1, cominciato il 27 marzo in Australia (Melbourne), si conclude in Brasile, a San Paolo, dove il 27 novembre si corre l’ultima gara della stagione sul circuito di Interlagos intitolato a Carlos Pace.
San Paolo si trova nel Brasile meridionale, all’interno, a circa 70 chilometri dall’Oceano Atlantico, nell’omonimo Stato, di cui è la capitale e il principale centro. São Paulo (in portoghese che è la lingua ufficiale) è una città di 1.523 chilometri quadrati, ha 11.244.369, dista 440 km da Rio de Janeiro e 1.030 dalla capitale federale Brasília. Nella regione metropolitana di San Paolo (definita dal governo Região Metropolitana) vivono 20 milioni di persone, è quindi la terza area metropolitana per numero di abitanti del globo. La regione è costituita da 39 comuni, alcuni di questi sono Santo André, São Bernardo do Campo, São Caetano do Sul (questi formano la regione chiamata Região do Grande ABC), Diadema, Osasco e Guarulhos ecc., essendo così la maggiore metropoli dell’America del Sud e dell’emisfero Sud. Tra l’altro, se si considera l’area metropolitana estesa (Complexo Metropolitano Estendido) includendo le numerose aree metropolitane adiacenti, come Baixada Santista, São José dos Campos, Campinas, Sorocaba, ecc., San Paolo raggiunge i 29 milioni di abitanti, diventando quindi la città più popolosa del mondo dopo Tokyo, che ne ha 35 milioni. La regione forma una megalopoli ancora maggiore con Rio de Janeiro e Volta Redonda. Lo Stato di San Paolo è anch’esso altamente popolato, tuttavia gran parte delle aree metropolitane circondano San Paolo, con l’eccezione di Ribeirão Preto e São Carlos. Tutto lo stato conta una popolazione superiore ai 40 milioni di abitanti.
Gli abitanti di San Paolo sono chiamati paulistanos, mentre paulista è il termine per tutti gli abitanti dello stato di San Paolo. Il motto della città è “Non ducor, duco”, che tradotto dal latino significa “Non mi faccio condurre, conduco”. Un soprannome famoso della città è “Sampa”.
Nei quartieri popolari di Bixiga e Mooca, viveva fino a poco tempo fa la comunità italiana, oggi sparsa per tutta la città. Infatti, quasi la metà degli abitanti ha almeno un antenato italiano, e si calcola che tale comunità estera sia la più consistente numericamente. La maggioranza dei quartieri eleganti si trovano nella parte occidentale ed in quella meridionale. Il clima è caratterizzato da inverni più freddi rispetto a quelli di altre località del Paese e da estati calde e molto umide, ma San Paolo può essere visitata durante tutto l’arco dell’anno in quanto ha una vivace vita notturna e innumerevoli locali.
La città fu fondata nel XVI sec. da un gruppo di Gesuiti ed ebbe una forte espansione nel secolo scorso quando fu una delle mete preferite dell’immigrazione in Sud America ed è oggi al centro dell’area più industrializzata e moderna del paese. San Paolo a causa della sua natura cosmopolita e industriale, non è a primo impatto la classica città brasiliana che uno può immaginare, ma piuttosto una città metropolitana e moderna che più si avvicina dall’aspetto occidentale. Inoltre a contrario di molte altre destinazioni in Brasile la città ha costruzioni moderne e offre dei buoni servizi e si consiglia di girare la città per mezzo del metrò, molto efficiente. San Paolo è costituita da una zona centrale, quella più interessante dal punto di vista turistico, tra cui spiccano i quartieri di Bela Vista e della Liberdade, e da numerosissimi sobborghi, in cui sorgono le principali industrie, che quasi ne raddoppiano la popolazione. Oggi è un importante centro economico, politico, amministrativo e culturale, essendo sede di un’antica e prestigiosa università.
Praca da Repubblica rappresenta l’ideale punto di partenza per una visita della città e da essa partono le principali strade. Poco distante il Teatro Municipal, un importantissimo monumento con un grande valore storico oltre che architettonico. Nel febbraio del 1922 fu la sede del Modern Art Week il festival delle arti che segnò l’inizio della corrente del Modernismo in Brasile.  La costruzione del teatro iniziò nel 1903 e terminò nel 1911, la sua struttura venne ispirata dal Teatro della Scala di Milano. Il teatro è attualmente la sede della Orchestra Sinfonica, del Balletto e del Coral Lirico.
In Praça da Luz, piazza caratteristica della città, si trova Praca da Sé, la grande piazza, situata proprio nel cuore di San Paolo che ospita la Cattedrale e nei suoi pressi si trovano una delle strade più importanti, la Avenida da Libertade, l’Università e alcune interessanti chiese. Nelle vicinanze inoltre si trovano la Pinacoteca do Estrado, il Museu de Arte Sacra e il Jardim da Luz. Situata in Praça da Sé la Catedral da Sé è la Cattedrale Metropolitana di San Paolo.La storia della sua edificazione risale alla fine del Cinquecento quando venne costruita una chiesa Matriz proprio nel luogo dell’odierna cattedrale. Questa prima chiesa venne sostituita da un’altra in stile Barocco che fu la Cattedrale della città fino ai primi del Novecento. La costruzione dell’attuale Cattedrale in stile neo-gotico venne cominciata nel 1913 e terminata nel 1954 e si ispira alla Basilica di Santa Maria del fiore di Firenze. All’interno della cripta, che presenta bassorilievi di Francisco Leopoldo e Silva, sono custodite le tombe dei vescovi di San Paolo e quelle di Diogo Antonio Feijó, sacerdote e personaggio politico, e Tibiriçá. Di notevole interesse è l’organo del 1954, uno dei più grandi dell’America Latina.
In città meritano sicuramente una visita il Butanta, un vivaio dove si trovano molte specie di serpenti, il Museu de Arte de Sao Paulo e il Parque do Estrado in cui si trovano sia il giardino botanico che quello zoologico ed è una meta interessante soprattutto nelle giornate calde.
San Paolo è rinomata per i suoi locali, nei quali si può mangiare praticamente ad ogni ora, e per la cucina sempre molto gustosa e relativamente economica. Le specialità sono sia quelle della cucina internazionale sia di quella nazionale (che consigliamo di provare) sia a base di pesce, generalmente preparato arrosto con fagioli o riso, che di carne, da gustare nelle numerose Churrascarie, che offrono dei deliziosi spiedini di carne alla brace. Tra le bevande diffusa la birra (soprattutto nazionale) e la cachaca.
San Paolo offre divertimento praticamente in ogni giorno dell’anno in tutti i suoi locali adatti a soddisfare clienti di ogni età e possibilità economica. In città infatti la vita notturna è intensa tanto quanto quella delle più grandi metropoli europee e i prezzi per accedere ai locali non sono molto elevati per i turisti italiani.
L’Autodromo José Carlos Pace, situato nel sobborgo di Interlagos della città di San Paolo in Brasile, è un circuito automobilistico sede tra le altre manifestazioni del Gran Premio del Brasile di Formula 1 dal 1973 al 1980 e, dopo aver subito una profonda rivisitazione del tracciato, dal 1990 fino ad oggi. Venne inaugurato il 12 maggio 19402ed è generalmente conosciuto con il nome di circuito di Interlagos, anche se questo non è più il suo nome ufficiale dopo essere stato intitolato al pilota brasiliano Carlos Pace deceduto nel 1977.
Il nome della località e del circuito (letteralmente, “tra i laghi” in portoghese) deriva dal fatto di essere situato tra due laghi artificiali, il Guarapiranga e il Billings, costruiti all’inizio del XX secolo per rifornire la metropoli di acqua ed energia elettrica. Questa posizione tra i laghi è probabilmente all’origine del tracciato pieno di dossi data l’impossibilità di mantenere un asfalto ben livellato. (ore 09:00)

SHARE
Dal 1993 pubblicista iscritta all’Ordine dei giornalisti. Diplomata al Conservatorio, ha fatto esperienze musicali come cantante. Le piace Brahams ma ascolta Charlie Parker. Ha un debole per il sushi e la cucina cinese. Ama i gatti neri. Collaboratrice di Automotonews.com dal 2001.