Roma – Da un’iniziativa di Civita ed Ance, con il sostegno di Arcus e la collaborazione di Unicredit e Federalberghi, nasceranno in Italia gli “Hotel della Cultura”, un nuovo sistema di ricettività alberghiera collegata con il territorio circostante per promuovere il turismo culturale. Mario Resca, consigliere del ministro per i Beni e le Attivita, durante la presentazione del progetto “HdC”, si è così espresso”Stiamo perdendo la capacita’ di attrarre turisti sia interni che esterni. Il 70% del turismo ha come motivazione la conoscenza della nostra cultura. L’interesse per il nostro Paese grazie al patrimonio che offriamo e’ limitato dalla capacita’ di offrire accoglienza adeguata a quelle che sono le esigenze del nuovo turismo culturale”. Gli “Hotel della Cultura” nasceranno dal restauro di palazzi storici abbandonati  che verranno trasformati in alberghi e non si limiteranno alla riqualificazione degli edifici storici non utilizzati, ma saranno concepiti per la promozione e l’integrazione tra offerta turistica e offerta culturale del territorio. In questo senso, il turista sceglie l’albergo, non solo per il sistema di accoglienza che e’ in grado di offrire, ma anche per la sua capacita’ di proporre i costumi e lo stile di vita delle tante culture locali di cui e’ ricca l’Italia. Gli alberghi metteranno, inoltre, a disposizione delle navette che condurranno l’ospite nei luoghi del circuito culturale scelto. Per i servizi che offrono, gli “Hotel della Cultura” si distingueranno da altri modelli, come ad esempio i Paradores spagnoli o le Pousadas portoghesi, perche’ non si limiteranno soltanto alla riqualificazione degli edifici storici non utilizzati.(ore 13:00)