Un sistema a bassa tensione da 48V. Il kit ibrido secondo Schaeffler

Parallelamente allo sviluppo di veicoli ibridi dotati di un motore endotermico e di un motore elettrico, una delle tematiche che l’industria automobilistica sta approcciando riguarda l’installazione di un secondo sistema a bassa tensione da utilizzare in aggiunta al sistema tradizionale a 12V. Ecco l’esempio di Schaeffler.

Un sistema a bassa tensione da 48V. Il kit ibrido secondo Schaeffler

L’elettrificazione nell’industria automotive procede senza sosta. Le leggi e le restrizioni sulla riduzione delle emissioni inquinanti dell’auto guidano a ritmo serrato lo sviluppo di nuovi modelli ibridi ed elettrici, sempre meno “mobilità futura” e sempre più “mobilità presente”.

Schaeffler, produttore mondiale di componenti e sistemi per l’automotive, ha creato la divisione eMobility Systems, dove a stretto contatto con aziende e università si lavora per sviluppare nuovi sistemi.

L’IBRIDIZZAZIONE A COSTI CONTENUTI: SISTEMI A 48V
Parallelamente allo sviluppo di veicoli ibridi dotati di un motore endotermico e di un motore elettrico, una delle tematiche che l’industria automobilistica sta approcciando riguarda l’installazione di un secondo sistema a bassa tensione da utilizzare in aggiunta al sistema tradizionale a 12V, in grado di offrire discreti livelli di potenza che arrivano fino ai 12KW.

I sistemi a 48V, pima di tutto, non necessitano di quelle misure tecniche di sicurezza richieste dai sistemi con tensioni superiori ai 60V e le basse correnti in gioco fanno sì che il sistema non richieda particolari accorgimenti in termini di compatibilità elettromagnetica. In secondo luogo, la configurazione a bassa tensione riduce i costi e gli investimenti mantenendo gli stessi vantaggi: il cosiddetto “crawling” (la guida elettrica nel traffico urbano, in partenza e alle basse velocità), il “sailing elettrico” (una modalità di guida in cui il motore elettrico garantisce velocità costanti mentre il motore a combustione interna è spento) e il recupero di energia durante le decelerazioni.

Un ulteriore vantaggio offerto dalle soluzioni a 48V è rappresentato dalla sezione dei cavi, perché l’architettura a tale tensione riduce del 75% la 
sezione del conduttore con conseguenti effetti positivi 
su peso, costi e ingombro del cablaggio.

Schaeffler ha quindi identificato nei sistemi a 48V grandi potenzialità in termini di efficienza e ha già pronte diverse soluzioni. A livello di sistema, offre moduli completi ibridi a 48V.

La versione più semplice ha la forma di un disco ed è destinata all’ibridizzazione di veicoli a trasmissione manuale. Il modulo viene installato tra il motore e la trasmissione e non richiede né modifiche alla trasmissione né sistemi di raffreddamento.

I principali componenti sono un motore elettrico da 48V/12kW e una frizione che sostituisce i tradizionali generatore e motorino d’avviamento. Il cuscinetto di disinnesto frizione disaccoppia il motore a combustione interna e consente così al veicolo una guida 100% elettrica.

L’assale elettrico modulare a 48V rappresenta invece una soluzione decisamente più evoluta e può essere installato sia sull’assale anteriore sia su quello posteriore. La soluzione si compone di un motore elettrico e comprende una frizione e una trasmissione planetaria. Di forma cilindrica, questo sistema è molto compatto, con una lunghezza di 235 mm e un diametro di 165 mm, e può essere integrato nell’architettura del veicolo senza sacrificare spazio nel serbatoio o nel bagagliaio.

Le Case automobilistiche che decidono di installare un secondo impianto elettrico a bassa tensione possono anche integrare nel veicolo altre funzioni estremamente utili, quali attuatori ad alte prestazioni e a rapida reazione per il telaio, che permettono la regolazione dell’altezza dal suolo a seconda della situazione di guida, o altre funzioni che portano al limite le prestazioni degli attuali sistemi standard a 12 volt e che spaziano dagli elementi meccanici di tensionamento delle cinghie di trasmissione dei motorini generatori a 48 volt fino a una serie di elementi di regolazione elettromeccanici per frizione, sterzo, sistemi anti rollio o sospensioni.

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.