Vacanze in auto? Ecco 19 consigli per viaggiare in serenità

Vuoi la crisi, vuoi le distanze tutto sommato brevi e i nostri stupendi luoghi dove andare in vacanza, sta di fatto che gli italiani in estate si spostano sempre di più in auto. E per affrontare serenamente questi viaggi, ecco un breve elenco di cosa fare prima di partire.

volkswagen surf

Scegliere l’auto come mezzo di trasporto per le vacanze estive è tra le abitudini più diffuse dei vacanzieri italiani. Vuoi la crisi, vuoi le distanze tutto sommato brevi per raggiungere il mare e il relativo ristoro dalla calura cittadina, sta di fatto che il popolo italiano, se vacanza deve fare, la fa spostandosi in auto.

Per affrontare serenamente questi viaggi, però, è necessario che il veicolo sia controllato prima della partenza.
Ecco allora un elenco di 19 consigli su cosa fare.

  1. Controllare di avere tutti i documenti: libretto di circolazione, certificato d’assicurazione, carta verde (per l’estero).
  2. Verificare se ci sono il triangolo per la segnalazione di auto in panne, il crick e la chiave per i bulloni delle ruote, o il kit gonfiaggio se previsto, e soprattutto il giubbino alta visibilità.
  3. Controllare la pressione e il livello di usura degli pneumatici (incluso quello di scorta) per una buona tenuta di strada del veicolo. In caso di auto a pieno carico, la pressione degli pneumatici varia. È quindi importante controllare il valore dei pneumatici montati.
  4. Verificare il livello dell’olio motore. L’olio serve ad evitare attriti tra le parti meccaniche in movimento, limitando così il consumo delle parti stesse. Oltre a dover essere cambiato nelle scadenze previste, il suo livello va controllato periodicamente. Se risulta sotto il minimo dell’asticella, va rabboccato.
  5. Monitorare il liquido di raffreddamento che deve rimanere nei valori indicati sulla vaschetta. Se necessario aggiungere refrigerante.
  6. Controllare le pastiglie dei freni. Il loro corretto stato di utilizzo, oltre a garantire la massima efficacia in frenata, evita di intaccare il disco, la cui sostituzione è molto onerosa.
  7. Verificare il livello del liquido lavavetri e le spazzole tergicristallo. È necessario che queste ultime non siano usurate in modo da garantire il loro corretto impiego in caso di pioggia.
  8. Accertarsi dello stato delle luci. Il malfunzionamento di anche solo uno dei fari potrebbe compromettere la sicurezza, in quanto diminuisce la nostra visibilità alla guida e la possibilità di essere visti correttamente dagli altri veicoli.
  9. Prestare attenzione alle vibrazioni che arrivano dallo sterzo. Oltre ad affaticare la guida nei lunghi tragitti, questa anomalia può essere segnale di problemi più o meno seri che in ogni caso incidono a lungo andare sui costi di manutenzione.
  10. Scegliere le scarpe giuste. Anche se “non esiste più alcun divieto dal 1993 circa l’uso di calzature di tipo aperto (ciabatte, zoccoli, infradito) durante la guida di un veicolo né è vietato guidare a piedi nudi”, come ricorda la Polizia stradale, “il conducente deve autodisciplinarsi”. Il consiglio è quindi quello di scegliere un paio di scarpe che garantiscano “un’efficace azione di guida con i piedi (accelerazione, frenata, uso della frizione)”.
  11. Soccorso stradale. L’augurio è che non ce ne sia bisogno. Tuttavia oggi molte compagnie assicurative, oltre all’Rca, includono nel prezzo una copertura base per il soccorso stradale. Per una partenza in tranquillità è consigliabile controllare la presenza di questa copertura e le clausole che la regolano.
  12. Evitare i mezzi di soccorso abusivi: avendo gli stessi colori delle società autorizzate agli interventi in autostrada spesso non sono riconoscibili. Per non incorrere in abusivi (che oltre ad applicare tariffe non controllate potrebbero far decadere le coperture assicurative), tenete sempre a portata di mano il numero dell’assistenza stradale disponibile con la copertura assicurativa, fornito dalla Casa costruttrice sulle vetture nuove oppure incluso in altri servizi.
  13. Non affidarsi mai a soccorritori che si fermano direttamente per proporre il proprio aiuto in autostrada: ogni soccorso deve essere autorizzato dal Gestore Autostradale.
  14. Se non si è in possesso di un’adeguata copertura è possibile utilizzare le colonnine SOS presenti ogni 2 km, ormai quasi tutte foniche (si parla direttamente con la sala radio del Gestore Autostradale competente per tratta).
  15. Non mettersi in viaggio dopo aver mangiato per evitare colpi di sonno dovuti alla digestione.
  16. Evitare gli alcolici prima della partenza.
  17. Posizionare correttamente le valige nel portabagagli. Il carico più pesante andrà collocato possibilmente verso il centro dell’auto per limitare le variazioni di comportamento della stessa in fase di marcia.
  18. Assicurare i bambini sui seggiolini (fino a 15 kg) o sui riduttori omologati (fino ai 30 kg). Organizzate le soste per viaggi lunghi secondo le loro esigenze e portate con voi almeno mezzo litro (una bottiglietta) di acqua per ciascun passeggero per viaggi di lunga percorrenza (ovvero superiori a 2 ore).
  19. Pianificare il percorso controllando le previsioni sul traffico e gli eventuali lavori in corso: oggi sono disponibili numerose app in grado di fornire una panoramica completa delle nostre strade.