È sempre importante verificare le condizioni della propria vettura prima di partire per le vacanze estive. Ecco un promemoria delle operazioni.

Le ferie si avvicinano per molti italiani e molti italiani sceglieranno di muoversi in auto. Ecco un promemoria delle operazioni da fare prima di mettersi in viaggio e per viaggiare in completa sicurezza; operazioni che in alcuni casi è necessario far fare al proprio meccanico/officina di fiducia.

Un’operazione molto importante che non dovrebbe mai essere tralasciata è il controllo delle gomme e della ruota di scorta. Non solo dal punto di vista dell’usura, ma anche della pressione e della condizione del battistrada, che deve avere uno spessore di almeno 1,6 mm secondo quanto previsto dalla Legge.

Anche la batteria richiede una verifica, per non rischiare di rimanere in panne: per preservarla al meglio è preferibile parcheggiare l’auto all’ombra in caso di sosta prolungata. Per quanto riguarda i freni, invece, il check-up dovrebbe includere pastiglie, dischi e freno di stazionamento. Di solito, le pastiglie freno anteriori andrebbero controllate ogni 20.000 km e sostituite ogni 40.000 km. I dischi freno, invece, dovrebbero essere cambiati ogni 80.000 km o dopo aver eseguito due sostituzioni di pastiglie freno.

Molto importante è il liquido freni: bisogna verificarne periodicamente il livello e sostituirlo ogni 2 anni. L’eventuale abbassamento può essere causato da una perdita dell’impianto o da un’eccessiva usura delle pastiglie; in ogni caso, segnali di usura dell’impianto frenante possono essere evidenziati da vibrazioni o rumori anomali durante la frenata o dall’accensione della spia.

Considerando il caldo atipico di questa estate 2017, non dimenticate di controllare che il climatizzatore sia carico. Una temperatura interna ottimale favorisce anche la concentrazione alla guida, oltre a contribuire al benessere. La temperatura dell’aria che il climatizzatore può produrre è determinata dalla quantità di refrigerante presente all’interno dell’impianto. In generale, si consiglia di ricaricare l’aria condizionata ogni 2 anni o 60.000 km e di sostituire il filtro essiccatore. Problemi di malfunzionamento dell’aria condizionata potrebbero essere causati da guasto al compressore e/o al filtro abitacolo da sostituire.

Un controllo è sempre necessario anche per le luci, così come per il livello del liquido refrigerante e dell’olio motore (sempre meglio evitare costosi danni alla meccanica). Il liquido dei tergicristalli e le spazzole, invece, vanno controllati per motivi legati alla sicurezza durante la guida: la loro ottimale condizione è fondamentale per la massima visibilità.

Sempre in tema di sicurezza, non è da sottovalutare la verifica del funzionamento degli airbag. Solo dopo aver completato tutti i controlli è possibile ritenersi pronti per caricare in macchina i bagagli, allacciare le cinture e iniziare le tanto desiderate ferie.