Dopo lo scandalo sollevato dalla notizia, Volkswagen si impegna ora a non effettuare più test sugli animali per studiare gli effetti delle emissioni inquinanti dei motori diesel. A riportarlo è il New York Times, che segnala come l’impegno del colosso di Wolfsburg sia stato preso di comune accordo con la Peta, l’ente per il trattamento etico degli animali.

Volkswagen aveva commissionato studi sulle scimmie, rinchiuse in una stanza a guardare cartoni animati e a respirare gas di scarico, per dimostrare che i motori diesel non inquinano così come spesso si sostiene. Sempre secondo il New York Times, Herbert Diess, amministratore delegato di VW, ha scritto una lettera alla Peta sostenendo che, sebbene gli esperimenti sulle scimmie non siano una violazione della legge, pongono dei “problemi di natura etica”.