Dal 6 al 9 settembre debutterà a Basilea la prima edizione di Grand Basel, il Salone dedicato alle auto top-of-the-range di ieri e di oggi presentate per la prima volta in un contesto fortemente caratterizzato da richiami al mondo dell’arte, del design e dell’architettura. Non solo, Grand Basel è anche “il primo Salone pensato a livello mondiale come vetrina per le auto più prestigiose”, ha spiegato Mark Backé, global director e ideatore del progetto. Dopo Basilea, infatti, nel corso del prossimo anno l’evento approderà a Miami e Hong Kong.

Tra le oltre 100 vetture che saranno esposte a Basilea ci saranno leggendarie auto da corsa, icone cinematografiche, grandi classici e l’anteprima mondiale di un’automobile contemporanea, realizzata su un concetto assolutamente speciale: la Lancia Delta Futurista realizzata da Automobili Amos, una boutique ingegneristica fondata dal pilota Eugenio Amos che rilancia il mito dell’iconica Lancia Delta Integrale.

“Quest’auto per me significa molto – spiega Amos –. È la mia visione romantica in un mondo troppo asettico, troppo veloce, che corre superficiale e intangibile come il vento. Quest’auto significa che mi sono stufato del mondo dell’automobile prima come cliente che come costruttore. A me manca un mondo, forse idealizzato, in cui c’erano l’uomo, i valori e la sostanza
al centro del prodotto. Quindi la mia auto è pura, analogica, grezza ed essenziale. È servito tanto lavoro, da parte di persone estremamente talentuose, per eliminare tutto il superfluo e portare alla luce solo ciò che conta davvero per me. Ho scelto la Delta perché è l’auto che mi ha fatto innamorare delle auto”. Ed ecco allora che da un atto d’amore nasce la Lancia Delta Futurista, una vettura con un peso di 1.250 kg, circa 330 cv di potenza e un costo di circa 300.000 euro. Perché la passione non ha prezzo.