È stato pubblicato oggi, sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, il Regolamento di esecuzione 2018/1579 della Commissione europea del 18 ottobre 2018, che istituisce i dazi antidumping definitivi sui pneumatici autocarro importati in UE dalla Cina. A fare data da domani 23 ottobre, dunque, sono in vigore i dazi definitivi con gli importi proposti dalla Commissione europea e approvati dal Comitato antidumping lo scorso 3 ottobre, che variano a seconda del produttore (da un minimo di 42,73 euro a un massimo di 61,76 euro per pneumatico).

L’associazione italiana dei ricostruttori di pneumatici, nell’esprimere soddisfazione per questo passaggio importante per l’industria europea, dichiara: “Finalmente si aprono nuove prospettive per il futuro della ricostruzione. La conferma dei dazi è una decisione fondamentale per aiutare la transizione verso l’economia circolare e verso una mobilità più efficiente e sostenibile”.

Negli ultimi anni, la forte pressione concorrenziale di prodotti a basso costo, come hanno dimostrato le indagini realizzate dalla Commissione UE, “ha danneggiato l’intera filiera del pneumatico, innescando un effetto domino che ha costretto anche i produttori premium a una contrazione degli investimenti – ha commentato Stefano Carloni, presidente dell’Airp –. La ricostruzione dei pneumatici si pone da sempre come un perfetto esempio di economia circolare. Adesso il nostro settore dovrà lavorare per sfruttare al meglio questa importante occasione per lasciarci alle spalle il modello di consumo basato sull’usa-e-getta, e per delineare un nuovo paradigma di mobilità”. Il Regolamento di esecuzione 2018/1579 della Commissione europea è disponibile qui.