Dopo la decima pole stagionale, ecco anche la decima vittoria di Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes, laureatosi per la quinta volta campione del mondo quindici giorni fa in Messico, ha colto l’ennesimo trionfo e ha permesso alla sua squadra di conquistare con una gara d’anticipo il quinto iride costruttori consecutivo.

Partito dalla pole, Lewis ha gestito bene la corsa nei primi giri, prima di subire il ritorno di un arrembante Max Verstappen capace di superare in successione Raikkonen, Vettel e Bottas prima di portarsi in seconda posizione. Le Mercedes si sono dovute fermare prima del previsto a causa del blistering alle gomme posteriori, mentre Red Bull e Ferrari hanno allungato il primo stint di gara. Al giro 36, Verstappen si è fermato per la sua sosta rientrando in pista a due secondi da Hamilton e dopo solo quattro giri si è attaccato alla Mercedes sferrando un micidiale attacco sul rettifilo del traguardo, prendendosi la prima posizione grazie al contemporaneo pit-stop del compagno di squadra Ricciardo, autore di una bella rimonta dall’undicesima posizione di partenza.

Alle spalle dei primi due si è inserito Kimi Raikkonen, bravo ad avere la meglio nel duello ruota a ruota con Bottas dopo aver superato Vettel grazie a un ordine di scuderia. Verstappen sembrava avviato verso il terzo successo stagionale, ma al giro 43 Esteban Ocon (pilota sotto contratto con la Mercedes) ha incredibilmente rifilato una ruotata alla esse di Senna al pilota olandese che lo stava doppiando, spedendolo in testacoda.

Verstappen Ocon Brasile 2018

Il pilota della Red Bull si è così ritrovato alle spalle di Hamilton, tornato al comando sfruttando il regalo di Ocon punito dai giudici di gara solo con 10 secondi di stop & go. Verstappen, seppur con una vettura danneggiata sul fondo nella fiancata destra, ha spinto al massimo per riacciuffare la prima posizione, ma non è mai riuscito a entrare in zona Drs e ha chiuso la corsa in seconda posizione alle spalle di Hamilton. Terzo Kimi Raikkonen, che dopo aver passato Bottas è rimasto vicino a Verstappen fino alla bandiera a scacchi.

Iceman ha dovuto sudare per il podio, tenendo a bada negli ultimi giri uno scatenato Ricciardo che dopo il pit-stop si è sbarazzato con due sorpassi splendidi di Vettel e Bottas. L’australiano ha provato a mettersi in scia a Raikkonen, ma non ha mai avuto lo spunto per tentare un attacco. Quinta posizione per Valtteri Bottas, che dopo aver perso la lotta con Ricciardo è rientrato ai box per mettere gomme nuove e difendersi da Sebastian Vettel. Il ferrarista ha chiuso in sesta posizione una gara anonima fin dal via, probabilmente anche per colpa dei segnali d’allarme provenienti da alcuni sensori della sua monoposto. Grande gara di Charles Leclerc, settimo a 44 secondi dal vincitore e a 18 da Vettel, col quale ha duellato dopo il secondo pit-stop del ferrarista. A chiudere la zona punti Grosjean, Magnussen e Perez. Qui l’ordine di arrivo completo.